30 Novembre 2020 · 23:46
5.1 C
Firenze

Che fine hanno fatto i giocatori della Fiorentina di Prandelli del 2010?

Sono passati 10 anni dall'ultima volta sulla panchina della Fiorentina per Cesare Prandelli. Ma che fine hanno fatto i suoi ex giocatori?

prandelli

“Sono un tifoso della Fiorentina. I tifosi si aspettano tanto, ed è giusto così: rappresentiamo Firenze”.

Sono le parole di chi, per anni si è legato ad una squadra e a una città. E che a distanza di 10 anni è tornato in viola. Riecco Cesare Prandelli, allenatore legato al club per 5 stagioni tra il 2005 e il 2010 scrivendo pagine memorabili.

Ci riproverà un’altra volta con una squadra rinnovata, decisamente diversa dall’ultima rosa che aveva guidato: ve la ricordate? E che fine hanno fatto quei giocatori? Ecco il viaggia fatto da Sky Sport

SEBASTIEN FREY. A lui i tifosi viola dedicavano un coro speciale, uno dei tanti omaggi per un portiere da 218 presenze ufficiali con il club che saluta nel 2011 chiudendo la carriera tra Genoa e Bursaspor. E oggi? A 40 anni si divide tra il “ruolo” di papà a tempo pieno e della sua academy per giovani portieri, ma trova tempo anche per scendere in campo con le Legends del Parma e interventi in trasmissione sportive

PER KROLDRUP. Emerso in Italia nell’Udinese, deludente all’Everton ma centrale nella Fiorentina tra il 2006 e il 2012 con 146 partite e 6 gol. Ormai ex difensore dal 2014, dove è finito il biondo centrale danese? “Ho preso il patentino per allenare – raccontava recentemente -, ma adesso voglio viaggiare e conoscere il mondo visto che giocando non potevo farlo”. Un girovago che, per sua stessa ammissione, torna spesso a Firenze

DARIO DAINELLI. Salutò a gennaio 2010 con destinazione Genoa, lui che aveva trascorso ben 6 anni a Firenze disputando 173 incontri (con 8 reti). Dieci anni più tardi lo ritroviamo in viola: già, perché dopo il ritiro nel 2019 diventa ufficiale il ritorno dell’ex capitano alla Fiorentina come direttore tecnico

MARCO DONADEL. Chi ritroviamo a Firenze è pure l’ex centrocampista classe 1983, 220 presenze e 6 gol con i viola tra il 2005 e il 2011. L’ultima tappa del calcio giocato l’ha visto protagonista al Montreal Impact, poi l’addio all’agonismo nel 2018 ma non al mondo del pallone: ha allenato l’U-17 della Fiorentina ed è diventato collaboratore tecnico della prima squadra con l’avvento di Prandelli

ALESSANDRO GAMBERINI. Altro protagonista di lungo corso in viola, 7 anni fino al 2012 per un totale di 225 gare e 6 gare con la maglia della Fiorentina. Prima del ritiro nel 2018 ha giocato anche con Napoli, Genoa e Chievo, poi l’immediato avvento in panchina: prima l’U-17 del Chievo, poi i ruoli da vice all’Ambrosiana e alla Virtus Verona dove figura oggi

JUAN MANUEL VARGAS. “A volte sono stato poco professionale, lo so”, ha raccontato recentemente il mancino peruviano che si è ritirato in patria nel 2019. Il Catania lo lanciò in Serie A, la Fiorentina lo vide scendere in campo 186 volte (25 gol e 27 assist a referto). Attualmente le cronache riportano un presente lontano dal calcio e, purtroppo, qualche eccesso dal punto di vista personale

STEVAN JOVETIC. Chi gioca ancora è l’attaccante montenegrino, talento di quella Fiorentina che a 31 anni trova posto nel Monaco dal 2017. Al netto degli infortuni che hanno minato la sua carriera, Jovetic fu grande protagonista in viola con 40 reti in 134 presenze prima delle parentesi con alterne fortune dal Manchester City all’Inter fino al Siviglia

ADRIAN MUTU. Allenatore dal 2018, Ct dell’U-21 della Romania dal 2020. Ecco il presente dell’ex attaccante della Fiorentina, 69 gol segnati in 143 partite tra il 2006 e il 2011. Una punta prolifica dagli ottimi numeri in viola, club dove ha scritto la storia prima delle ultime avventure in carriera in patria

ALBERTO GILARDINO. Partner d’attacco di Mutu fu anche il “Gila”, altro giovane allenatore che all’età di 38 anni guida il Siena in Serie D. Aveva già allenato Rezzato e Pro Vercelli, prime tappe della nuova vita in panchina dopo valanghe di gol in carriera. Il suo bilancio alla Fiorentina? Ben 63 gol distribuiti tra il 2008 e il 2012 con un breve ritorno a Firenze nel 2015

CESARE NATALI. Dal 2009 al 2012 alla Fiorentina, 83 presenze con 2 gol per l’ex difensore bergamasco dai lunghi trascorsi in Serie A non senza problemi fisici. L’addio al calcio ci riporta al 2015 dopo l’avventura al Sassuolo: cosa fa oggi Natali? Nel 2018 è stato responsabile del reclutamento degli allenatori del settore giovanile dell’Udinese

CRISTIANO ZANETTI. C’era anche lui nel centrocampo viola tra il 2009 e il 2011, 43 gare all’attivo prima dell’ultima parentesi in carriera al Brescia. Sono trascorsi quasi 10 anni dal ritiro, ma Zanetti non ha perso tempo: dal 2013 al 2018 ha allenato in Toscana tra giovanili e prime squadre (Pietrasanta e Massese), incarico attualmente abbandonato a beneficio delle partite di Inter Forever

FELIPE. All’epoca 26enne già emerso a buoni livelli nell’Udinese, il difensore brasiliano giocò in due parentesi distinte alla Fiorentina raccogliendo 30 gare complessive. Tanta Serie A nel suo curriculum, interrotto dalla scorsa stagione dopo il triennio alla Spal e il suo presente da svincolato a 36 anni

RICCARDO MONTOLIVO. Ex capitano della Fiorentina, club dove ha trascorso 7 anni (259 gare ufficiali con 19 gol segnati) prima di vivere altre 7 stagioni al Milan. Il suo ritiro risale al 2019 all’età di 34 anni, lui che ha immediatamente rivolto i suoi auguri a Prandelli con il quale ha avuto una grande intesa. Al netto di un contatto dal Messico per tornare in campo, Montolivo ad oggi non ha ruoli ufficiali nel mondo del calcio

MASSIMO GOBBI. Dal 2006 al 2010 sulla fascia dei viola, oltre 100 presenze e una carriera conclusa successivamente nel 2019 tra Chievo e Parma. Cosa fa oggi Gobbi? Non ha abbandonato il mondo del calcio sebbene non lo viva tra campo e panchina: è infatti commentatore tecnico per il mondo televisivo

MARTIN JORGENSEN. Protagonista di lungo corso a Firenze, 6 stagioni in viola interrotte a febbraio 2010 per tornare a casa all’Aarhus. Per l’ex centrocampista danese (ritirato nel 2014) ben 182 partite alla Fiorentina (17 gol e 14 assist) e un presente che lo vede proprio in patria: è stato vice e della Nazionale e allena nelle giovanili del club dove è cresciuto

KHOUMA BABACAR. Tra i baby lanciati da Prandelli all’ultimo anno va ricordato l’allora 16enne attaccante senegalese, a segno due volte tra Coppa Italia e Serie A. Dieci anni più tardi e con un curriculum importante in Italia, Babacar si è trasferito in prestito dal Sassuolo: lo trovate in Turchia all’Alanyaspor

ADEM LJAJIC. Chi gioca nella Super Lig turca come Babacar è l’attaccante serbo, arrivato nel gennaio 2010 a Firenze dal Partizan seguendo la stessa parabola di Jovetic. Di lui a Firenze si ricordano i gol (16 in 88 partite) e la celebre lite in panchina con Delio Rossi. Dal 2018 è in forza al Besiktas

MANUEL PASQUAL. Alla truppa degli opinionisti calcistici si aggrega anche lo storico terzino viola, 11 anni e oltre 350 presenze con la maglia della Fiorentina fino al 2016. L’ultimo triennio l’ha trascorso all’Empoli ritirandosi a 37 anni. Poi, come detto, il presente in televisione

MARIO ALBERTO SANTANA. Nessuna intenzione di ritirarsi per il jolly argentino, attuale capitano del Palermo in Serie C dove è tornato a distanza di 13 anni. Ovviamente c’era stata anche la parentesi di 5 stagioni alla Fiorentina per un totale di 18 gol e 19 assist in 137 incontri

GIANLUCA COMOTTO. Tre anni alla Fiorentina (2008-2011) dove era già stato nella stagione 2003/04, centenario di presenze in viola per un difensore dal lungo curriculum in Serie A. Si è ritirato nel 2016 a Perugia, club dove è rimasto nelle vesti di direttore generale dopo un breve ritorno a Firenze come direttore dell’area scouting

HARIS SEFEROVIC. Oggi a 28 anni segna con il Benfica e la Nazionale svizzera, ma a gennaio 2010 l’attaccante di origine bosniaca si trasferiva alla Fiorentina dal Grasshoppers. Raccoglierà solo 12 gettoni con un gol in viola, ma ha saputo ritagliarsi una carriera importante all’estero

LORENZO DE SILVESTRI. Presente in campo anche per il terzino fresco di trasferimento al Bologna, lui che in precedenza aveva trascorso 4 stagioni al Torino e alla Sampdoria. Dal 2009 al 2012 era invece alla Fiorentina: il suo bilancio recitò 86 presenze e 2 gol

MARCO MARCHIONNI. Chi ricorda l’ex centrocampista della Fiorentina? Tre anni in viola con 75 gare e 9 gol, eclettico esterno che si è ritirato nel 2018 alla Carrarese. Qui ha iniziato la vita in panchina come vice di Baldini per due stagioni, ma da ottobre è diventato l’allenatore del Foggia

VLADA AVRAMOV. A congratularsi con il suo ex allenatore alla Fiorentina è stato pure l’allora vice di Frey, portiere serbo che trascorse quattro stagioni in viola. Dopo il ritiro nel 2015 è diventato preparatore dei portieri: lo aveva svolto con Prandelli all’Al-Nasr, poi si è spostato dal Brescia all’Honved fino al presente al Caykur Rizespor in Turchia

KEIRRISON. All’appello risponde anche una meteora come l’attaccante brasiliano, oggi 31enne che ha appena strappato un contratto al Palm Beach Stars ovvero una nuova realtà del calcio statunitense. Per lui alla Fiorentina solo 12 presenze e 2 gol nonostante i passaggi a Barcellona e Benfica, poi una carriera trascorsa in patria fino all’ultima chiamata negli States

LEGGI ANCHE, PRANDELLI NON HA PRESO BENE LA SCELTA DI ALCUNI GIOCATORI DELLA FIORENTINA

Nazione, Prandelli non ha digerito i giocatori che hanno lasciato “la bolla” per raggiungere le Nazionali

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

LA FIORENTINA DICE NO A CAICEDO. IDEA LLORENTE, LO HA CONSIGLIATO CALLEJON A PRADÈ

Si avvicina il mercato di gennaio e la Fiorentina ha un disperato bisogno di un attaccante dopo il flop di Cutrone, Vlahovic e Koaumè....

Flachi: “Il problema è nella testa dei giocatori. I senatori facciano gruppo e diano il 150%.

Francesco Flachi è intervenuto ai microfoni di Radio Bruno Toscana per parlare delle problematiche in casa Fiorentina

CALENDARIO