21 Gennaio 2022 · 16:57
8.1 C
Firenze

Una curva bellissima, una squadra fantastica, canta insieme a me, forza viola alè

Finalmente una grande prova che scaccia via tutte le perplessità vissute. Mancano pochi ingredienti al puzzle di Italiano

ripijammece tutte chell ca e o nuOSt!

Abbracciamoci tutti, e cantiamo tutti insieme. Il titolo c’è chi l’ha letto cantando e chi mente. Detto questo, cosa c’è di meglio oggi, di cantare tutti insieme ed abbracciarci in un unico grande abbraccio viola? Niente, solo quello.

Un abbraccio da QUINTO posto, e scusate se è poco, ma era da anni che mancavano certe posizioni in riva all’Arno. Certo il campionato non è finito, ma oggi abbiamo aggiunto un altro pezzo al puzzle di Italiano. Un pezzo importante, vincere in trasferta. E non una trasferta qualsiasi. Quella contro il Bologna di oggi infatti, è stata un importante crocevia per la classifica con entrambe le compagini a 24 punti. Perdere sarebbe stato più che una sconfitta, avrebbe rappresentato una resa anticipata, invece per nostra fortuna non è avvenuto. Anzi oggi abbiamo dimostrato che anche l’appuntamento fondamentale, se vogliamo, lo sappiamo sfruttare. E mi viene da dire, anzi da esclamare FINALMENTE!

Solo 15 giorni fa, scrivevo il contrario, di quanto questa società, nel corso degli anni abbia sempre mancato le sfide chiave. Di come tutte le volte che avremmo dovuto fare l’ultimo step, spesso inciampavamo. Oggi invece anche questo tabù è stato sfatato.

Da inizio anno stiamo aggiungendo passo dopo passo, un pezzo al puzzle Italiano. Il primo di questi pezzi è stato il gioco corale, che abbiamo avuto modo di scrutare dalle prime partite. Poi abbiamo aggiunto la compattezza, vedi sfida con l’Atalanta. Poi abbiamo aggiunto il saper soffrire, vedi sfida a Udine. Poi la concretezza, vedi le partite in casa. Poi il fare più gol degli avversari. Ed oggi la voglia di non sbagliare le partite chiave. Mancano ancora un paio di pezzi al puzzle viola di Italiano.

Il primo: Tre acquisti a gennaio.

Il secondo: La Cazzimma.

Quella Cazzimma che invoco da inizio anno, e che oggi non ci avrebbe fatto prendere il gol del 2-3 di Hickey.

Sicuramente la Cazzimma è quell’ingrediente che ti fa fare il salto di qualità, ed è una componente che pochissime squadre hanno, e quelle poche che la possiedono, spesso riempiono la loro bacheca di trofei. A noi basterebbe tornare lì fra le prime 5 a battagliare.

E allora facciamo quest’ultimo sforzo. Mister cerca di far uscire fuori la Cazzimma dai tuoi giocatori.

Presidente facci tre regali per natale: Mayoral, Ikonè ed una ciliegina da regalare al Mister Italiano, ed a noi tifosi.

Rivedendo il ruggito di Torreira oggi, è facile da inquadrare quali debbano essere questi acquisti, basta guardare nei loro occhi e cercare di trovare gli stessi occhi di Torreira. Quello sguardo da top player, quello sguardo da vincitore, che oggi in squadra lo hanno in pochi, ma che altri stanno imparando ad avere.

Ecco, quello che ci serve è questo, qualche innesto di qualità, e dopo il piatto sarà servito, e difficile da digerire per gli avversari.

Quindi dai, facciamo quest’ultimo sforzo, e riprendiamoci TUTT CHELL CA E NUOST! (Tutto quello che è nostro) .

Lo scugnizzo viola

BORJA VALERO RACCONTA: “L’ANNO SCORSO CI FACEVANO GIOCARE IN DIFESA. VLAHOVIC SEGNAVA DA SOLO”

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO