24 Ottobre 2021 · 12:07
17.5 C
Firenze

NEDVED NON PUO’ FARE MORALI A NESSUNO. QUEL DEFICENTE NON E’ FIRENZE

di Flavio Ognissanti

Lo scriviamo, dato che può capitare che qualcuno capisca male, ergo inizialmente lo scriviamo a chiare lettere, cosi come fatto ieri nell’immediato post partita in merito a quello alla scritta contro la tragedia dell’Heysel e contro Scirea

Quella scritta è vergognosa e figlia di un gesto di un deficente, una scritta imbarazzante che sta facendo attaccare ingiustamente Firenze e la Fiorentina. Tra l’altro, non è una scritta di nessun gruppo organizzato di tifosi viola, come testimonia anche la mancata firma che accompagna qualsiasi messaggio o striscione degli ultras di casa Fiorentina (ma non solo)

Perchè è giusto ricordare come i tifosi viola all’interno dello stadio Franchi ieri non abbiano minimamente attaccato con cori o insulti nè Scirea nè la tragedia dell’Heysel. In questo momento però nessuno sta parlando dell’accaduto come dovrebbe essere fatto, ovvero il gesto vergognoso di un cretino.

Non deve essere toccata la Fiorentina, non devono esser toccati i tifosi viola, nè tantomeno la città di Firenze.

Chi lo sta facendo è un ignorante.

Come chiunque che generalizza un episodio del genere. Se domani qualcuno andasse a Milano, Torino, Roma o dovunque volesse e scrivesse un’oscenità simile, questo non starebbe a significare che quella città è protagonista e colpevole di quell’episodio.

Sta succedendo ovunque, in televisione, sui giornali, sui social. Firenze e la Fiorentina, o tantomeno i tifosi viola sono colpevoli di quello che è successo. Anzi, complimenti a Dario Nardella, sindaco della città, che ha fatto prontamente cancellare quella scritta subito dopo la partita.

Nedved nel pre partita ha commentato cosi l’episodio a Sky Sport: “Scritte contro Heysel? Commento difficile, nel giorno in cui i nostri. Giocatori omaggiano la Fiorentina, viene oltraggiato Scirea, cosa triste, diseducativa e vergognosa”

Che sia vergognosa siamo tutti d’accordo, come detto in precedenza e come confermato anche dalla società Fiorentina per bocca del patron Andrea Della Valle. Però caro Nedved, tu rappresenti una società che ha permesso di far entrare nel proprio stadio degli striscioni offensivi contro un’altra tragedia, quella del Grande Torino. Quindi, ricevere morali e insegnamente da te, scusaci, ma non ne abbiamo bisogno, anzi, ne facciamo fortunatamente a meno. Le morali, non tutti sono nella condizioni di poterle fare.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO