10 Agosto 2020 · 09:34
23.3 C
Firenze

Il mistero di Ilicic, non gioca più, é tornato in Slovenia

Ilicic non gioca più, ha mollato la sua Atalanta e lasciato Bergamo. Ha fatto ritorno in patria per stare nei boschi...

FLORENCE, ITALY – JANUARY 29: Josip Ilicic of ACF Fiorentina celebrates after scoring a goal during the Serie A match between ACF Fiorentina and Genoa CFC at Stadio Artemio Franchi on January 29, 2017 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Tutto ciò che si sa con certezza di Josip Ilicic è che da qualche giorno è in Slovenia: non si sta allenando, è in permesso concesso dal suo club per ritrovarsi e mettersi alle spalle un periodo difficile che lo ha allontanato dal calcio, e dunque dall’Atalanta. Dal miglior momento della sua carriera, dal pallone finalmente ritrovato dopo il lockdown, dalla fatica dei primi allenamenti mostrata senza vergogna, in post sorridenti con l’amico Papu Gomez. Da un finale di campionato con il sogno del secondo posto alle spalle della Juve. Soprattutto dalle final eight di Champions League: ce l’aveva trascinata lui l’Atalanta fino a Lisbona, con un gol a San Siro e poi uno straordinario poker a Mestalla, per disintegrare definitivamente il Valencia.

Il resto è un mistero, avvolto dai suoi silenzi e da quello del suo entourage, dal riserbo del club nerazzurro che sta cercando di proteggere il giocatore come lui desidera. Ilicic ha patito come tutti e più di tutti l’emergenza coronavirus: l’ha vissuta nel cuore dell’incubo, l’ha sofferta intimamente. Josip è sempre stato un ragazzo molto sensibile e tanto smarrimento improvviso, tanto dolore intorno, gli hanno smosso pensieri e sentimenti difficili da controllare. La lontananza forzata dalla famiglia ha fatto il resto: è stato come un corto circuito psicologico a spegnerlo giorno dopo giorno.

Josip Ilicic sta facendo grandi cose con la maglia dell’Atalanta

A togliergli la gioia degli allenamenti, anche della fatica («Non so chi abbia convinto Ilicic ad ammazzarsi così di lavoro», aveva detto Gasperini prima che scattasse l’allarme). La certezza di poter resettare tutto e ricominciare come se nulla fosse stato. Tutti a Bergamo hanno fatto il possibile per rivedere il più in fretta possibile il vero Ilicic. I tifosi, anche non sapendo bene i motivi della sua assenza, si sono schierati dalla sua parte soprattutto con iniziative social, il modo più rapido per fargli arrivare il loro sostegno: in tanti hanno cambiato la propria foto profilo di Facebook, Whatsapp e altri social network, sostituendola con quella dello sloveno.

Lo hanno rincuorato i compagni, soprattutto quelli ai quali è più legato, che meglio di tutti conoscono il suo cuore ma anche le sue fragilità, i suoi alti e bassi di umore, la difficoltà di riaprire il viso ad un sorriso, nei suoi momenti difficili. Ha provato a spronarlo Gasperini, che gli vuole bene come a un figlio: lo ha confortato, ha provato a ridargli fiducia a parole e anche consegnandogli una maglia da titolare addirittura contro la Juventus, per se dopo apparizioni poco convincenti contro la Lazio, l’Udinese, il Cagliari, la Sampdoria.

Ma neanche quella sera allo Stadium scattò la scintilla giusta: fu lì che diventò inevitabile rinunciare all’idea di recuperarlo per Lisbona (e Gasperini lo ha detto poi chiaramente la sera della vittoria a Parma) e scegliere la strada del recupero graduale. In Slovenia, a casa sua, nei boschi dove ama passeggiare. Lì spera di sentirsi meglio: a Bergamo, a Zingonia, non ci riusciva più.

La Gazzetta dello Sport

LEGGI ANCHE: LA SCELTA DI COMMISSO CHE DELUDE I TIFOSI VIOLA. QUAL È L’OBIETTIVO PER IL PROSSIMO CAMPIONATO DELLA FIORENTINA?

CONDIVIDI

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIMI ARTICOLI

Nazione, Belotti è il preferito di Commisso ma costa caro. Piatek? Può arrivare per 20 milioni. L’alternativa…

I nomi in ballo per il prossimo attacco della Fiorentina sono Andrea Belotti, Krzysztof Piatek e Mario Mandzukic. L'attaccante del Torino è il primo...

CorSport, Milik alla Fiorentina? L’ipotesi intriga ma c’è da battere la concorrenza della Juve. Le alternative…

Alla Fiorentina serve un bomber da doppia cifra, solo in seguito poi si potrebbe decidere di mandarlo in prestito per fare esperienza al Sassuolo...

CALENDARIO