22 Gennaio 2022 · 01:20
3.9 C
Firenze

Esclusiva Bucchioni: “Vi spiego il mercato di gennaio e delle situazioni di Montella e Chiesa”

di Giancarlo Sali

Oggi in esclusiva ai microfoni di Labaro Viola abbiamo avuto il noto giornalista Enzo Bucchioni, con cui abbiamo affrontato i temi principali dell’attuale momento della Fiorentina.

Enzo cominciamo subito col difficile: con la Roma Montella salva la panchina se…?

Se la squadra gioca con la stessa intensità, voglia, carica, mordente visti contro l’Inter ed inesistenti nelle 4 sconfitte consecutive precedenti.

Di nomi per il calciomercato di gennaio ne sono usciti tantissimi, a quali dobbiamo credere?

Io so per esempio che Kalinic piace, che Politano piace dalla scorsa estate, in difesa si segue Bonifazi, ma si aspetta anche per trovare qualcosa di meglio. Non siamo in estate dove puoi prendere giocatori giovani da far crescere, adesso a tutte le squadre servono calciatori pronti, come magari lo sono gli esuberi top delle squadre più forti. L’esempio di Florenzi è chiaro: Roma è vicina e lui vuole giocare per poter disputare l’Europeo. Si deve però attendere che inizi il movimento di questo puzzle di calciomercato per poter centrare i primi obiettivi. Quindi ora siamo in una fase di attendismo.

Ma l’attuale Fiorentina è così scarsa da valere la classifica che ha?

Io dalla fine del mercato estivo ripeto la stessa cosa e cioè che siamo da 10′ posto, ci son 9 squadre più forti: sicuramente il Milan, il Cagliari è più forte, il Torino è più forte ed anche il Sassuolo è più forte perché è costretto a tenere in panchina a rotazione dei centrocampisti che sarebbero tutti titolari a Firenze, come Locatelli, Duncan, Magnanelli ed Obiang. Ci si aspettava un Montella che facesse crescere la rosa più del suo attuale valore, ma così non è stato.

La situazione di Chiesa per te è più un problema di testa o di ruolo (costretto a giocare spesso spalle alla porta da punta centrale)?

Dico per il 70% di ruolo e per il 30% di testa. Lui fa fatica a giocare spalle alla porta come dicevi tu ed a buttarsi negli spazi tra i difensori. Ha bisogno di partire largo sulla fascia laterale e dello spazio per far valere le sue doti migliori, come ad esempio il dribbling. Poi finché c’erano giocatori veloci di piede e di testa come lui, vedi Ribery, la cosa è andata anche bene, ma senza il francese il ruolo di Chiesa deve essere un altro. Per quanto riguarda invece il ragionamento testa, c’è anche il discorso che il chiarimento che la Società ha avuto con il padre doveva essere fatto in estate e non 10 giorni fa.

Chiudiamo con Pedro: ora che l’abbiamo rimesso in forma e dato a lui il tempo di conoscere il calcio italiano, andarlo a vendere, anche solo in prestito, non sarebbe un errore?

Concordo perfettamente con te. Ci sono 3 squadre su di lui, con addirittura il Flamengo che se lo ricomprerebbe a titolo definitivo alla stessa identica cifra con cui la Fiorentina l’ha preso, per farti capire quanto si creda in lui in Brasile e non solo. Io nei pochi spezzoni in cui ha giocato ho intravisto le movenze da centravanti, è meno acerbo sotto questo aspetto rispetto allo stesso Vlahovic, il quale naturalmente, per ovvi motivi, è molto più avanti di lui fisicamente. Solo che Montella non lo vede, come non vede ad esempio Sottil. Ma da cosa lo bocciamo il brasiliano? Dagli allenamenti che fa? Facciamolo giocare, io l’avrei messo titolare anche contro l’Inter, considerando pure che questo Boateng è impresentabile.

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO