23 Settembre 2021 · 07:40
14.8 C
Firenze

CONTO ALLA ROVESCIA, ARRIVA “LA PARTITA”. 90 MINUTI DI PASSIONE, PER ESSER DI FIRENZE VANTO E GLORIA

Di Gabriele Cadieron

Today is the day, o se preferite l’italianissimo Ligabue è “Il giorno dei giorni”. Minuto dopo minuto la tensione sale…

Alle ore 18.00 andrà di scena Fiorentina-Juventus, LA PARTITA, non una partita qualunque. Arriva una corazzata a Firenze, arriva Cristiano Ronaldo, arriva una corazzata che giocherà (parafrasando Bruno Longhi) contro un esercito che manco dispone dei fucili, vista la sterilità offensiva degli ultimi tempi.

90 minuti, 90 dannatissimi minuti, una partita, in palio la storia.
No no, non ci siamo dimenticati dei canonici tre punti ma Fiorentina-Juventus è un’altra cosa… È storia di tifo, di sogni e di gloria.

Pioli riguardo la formazione ha spifferato un Gerson titolare ma è rimasto comunque abbottonato, ci mancherebbe altro. Pezzella si riprenderà la fascia di capitano, la Fiorentina come in ogni gara giocherà in 13: 11 in campo, 1 in cielo, l’altro su gli spalti con 40.000 anime pronte a spingere questa squadra affetta da “pareggite acuta”.

E ai tifosi la formazione interessa si… Ma fino ad un certo punto, in questa partita tutti e 11 devono attaccare e difendere con la stessa ferocia, come se fosse l’ultima partita della carriera o l’esordio in Serie A.

Il calcio è ancora (per fortuna) una questione di testa, gambe e cuore. La tattica conta tantissimo ma in partite come queste tutto va a farsi friggere. Ricordate il 4-2? La Juve fino al blackout era in pieno controllo tecnico-tattico, poi l’oblio… Stadio che spinge, giocatori che cominciarono a crederci e…. Vittoria.

La Curva Fiesole non si farà trovare impreparata e, con ogni probabilità, ci delizierà con una meravigliosa coreografia. Una stagione un po’ grigia come questa meriterebbe un raggio di sole, come quello che in un vecchio Fiorentina-Juventus venne rappresentato, come quello che rilancerebbe la passione che in questi mesi un po’ manca.
Il bello del calcio è che ogni gara ha storia a se, e stasera quella storia la Fiorentina la vuole riscrivere, vuole come sempre mettere in faccia all’Italia che la Fiorentina c’è, si fa sentire, Firenze non vuole mai essere seconda a nessuno. E se proprio deve esserlo, come nel 1982, meglio seconda…. Che ladra. E a buon intenditor…

E se va male? Firenze riparte, lo ha sempre fatto sin dai tempi immemori e come l’araba fenice, creatura mitologica, che dalle proprie ceneri risorge e torna più splendente di prima… Non è una novità, alle brutte passeremo un sabato insonne con il magone e domenica si riparte, post fata resurgo.

Credici Fiorentina, credici Firenze, basta freddo, grigio e pioggia... Vogliamo uno splendido sole stasera, e che quei 90 minuti di pura passione portino una radiosa settimana, una gioia insomma.
Non vado avanti ulteriormente, sappiamo che se tutti i giocatori avessero la voglia dei tifosi vincerebbero ogni gara 5-0. O che so… 4-2.

Avanti Firenze, avanti Fiorentina!

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO