23 Giugno 2024 · Ultimo aggiornamento: 16:52

Labaro viola: il mondo viola minuto per minuto
Commisso: “Nicchi? Se è una minaccia gli risponderemo formalmente. Amrabat? È un vero genio”
News

Commisso: “Nicchi? Se è una minaccia gli risponderemo formalmente. Amrabat? È un vero genio”

Redazione

3 Febbraio · 19:50

Aggiornamento: 3 Febbraio 2020 · 19:50

Condividi:

Questi altri estratti delle parole di Commisso a Radio Bruno: “A Nicchi dico che non so in quale modo si fanno le cose qui in Italia. Se è una minaccia gli daremo una risposta formalmente in privato. Io voglio difendere la mia Fiorentina. Gli arbitri se devono essere come i giudici per essere corretti è meglio che stanno zitti. Ho già visto molto, sono tutt’altro che tranquillo. Ho parlato anche con Gravina, in Lega non sono ancora dato e l’ufficio della Serie A a New York non è ancora stato fatto. Il futuro del calcio italiano? Beh, bisogna aumentare i ricavi, senza di quelli non si possono comprare calciatori top. Spero di riuscire presto a costruire uno stadio. I risultati non erano buoni quindi ho speso molto sul mercato. Ribery è una grande mancanza. Sono contento di Pradè, lui e Iachini hanno la mia fiducia. Amrabat? L’ho voluto io, mi ha subito colpito, ho pensato “questo è un genio2. Chiesa? Ho incontrato Enrico suo papà, Fede è di buonumore ma ieri era arrabbiatissimo. Io nella mia azienda non ho contratti, quando uno se ne vuole andare se ne va. Qui è diverso, le bandiere non ci sono più perchè di mezzo si sono messi i procuratori. Prima di parlare ieri ho sbagliato perchè non ho contattato i miei avvocati ma pazienza”.

Testata giornalistica | Autorizzazione Tribunale di Firenze n.6004 del 03/11/2015
Edimedia editore | Proprietario: Flavio Ognissanti | P. IVA: IT04217880717

© Copyright 2020 - 2024 | Designed and developed by Kobold Studio