di Lorenzo Bigiotti

Ai microfoni di Labaroviola, ha parlato il famoso intermediario di mercato e tifoso viola Bernardo Brovarone.

Ciao e benvenuto. Si parla di Schone per la Fiorentina. E’ un giocatore che ti piacerebbe?

“Schone è un giocatore esperto, molto solido, forte ed intelligente. Ha grande personalità, sa stare in campo in maniera furba e molto matura”.

Si parla di un ingaggio di 1,8 milioni per lui. La vedi come un’operazione possibile?

“Vedo molto difficile a quelle cifre, si sta apprestando a giocare una finale di Champions. Se l’importo dell’ingaggio fosse veritiero andrebbe preso subito perché la Fiorentina ha bisogno di giocatori di mentalità ed esperti”.

Credi che Corvino, che è sul banco degli imputati, possa restare a Firenze?

“Pantaleo Corvino è un dirigente al servizio di questa società sotto moltissimi aspetti. Diego Della Valle vede in questa persona un uomo a cui ha affidato in toto la gestione della società sotto il profilo tecnico, gestionale e di costruzione della Fiorentina. Quindi non fa’ solo mercato. Io ho ancora dubbi sulle sue competenze”.

Ma è davvero tutta sua responsabilità?

“No, io ho sempre rimarcato che la squadra non è così cattiva. Secondo me Pioli ha fatto un lavoro che va apprezzato sotto alcuni aspetti ma a livello tecnico per niente. La squadra non ha mai giocato bene e ha avuto dei vuoti clamorosi dentro la gara. L’allenatore non mi è piaciuto proprio per nulla e il valore della squadra è stato molto frenato. Con Montella questo cambierà di sicuro”.

In caso di addio di Corvino chi potrebbe essere il nuovo direttore viola?

“E’ molto difficile dirlo, ci sono molti direttori bravi. Prima di tutto bisognerebbe capire il profilo che la società cerca se un giovane o uno esperto. Io penso che l’ideale sarebbe Pradè per le sue competenze, conoscenze e perché ha un rapporto speciale con Montella. E’ molto onesto e bravo a giudicare i calciatori. Ma non farei  scappare nemmeno uno come Sabatini che potrebbe andare al Bologna. Oltre che un DS serve anche un DG vero e bisognerebbe eliminare personaggi che di calcio non hanno competenze mettendoli ad occuparsi di quello che gli compete, l’amministrazione”.

Un grazie ed un saluto al nostro ospite. A presto