25 Settembre 2021 · 18:17
27.6 C
Firenze

Venuti: “Spero di rimanere a Firenze. Mi dispiace non aver conosciuto Astori. Balotelli e Ribery…”

Così ha parlato ai microfoni dei canali ufficiali della Fiorentina Lorenzo Venuti, terzino viola: “Si, dopo queste tre vittorie di fila l’aria è sicuramente più serena, non che prima non lo fosse però comunque nel calcio quello che conta alla fine sono i risultati, quelli fanno il bello e il cattivo tempo di una società e di un gruppo. Ora penso che siamo tornati sui binari giusti. La nostra è una società atipica, sono persone molto alla mano che non ti aspetteresti mai come dirigenti, sono vicini fisicamente ma anche moralmente a noi calciatori, credo sia un vantaggio. Ho iniziato a giocare con la Fiorentina dal 2004 e dopo aver fatto tutta la gavetta, ho fatto un giro in prestito per l’Italia, credo che questo mi sia servito. Sono contento e spero di rimanere il più possibile qui a Firenze, nella mia città. Non ho avuto l’onore di conoscere Davide Astori ma per come ne hanno parlato e ne parlano ancora nello spogliatoio mi dispiace non averlo conosciuto. Quando arrivammo la sera prima da Benevento posai io la sciarpa fuori dai cancelli, hanno incaricato me ed è stata una situazione difficile sono stato travolto da un sacco di emozioni e nonostante non lo conoscessi è stato come sentirlo lì. Con Ceccherini mi trovo bene per molti motivi, c’è un feeling particolare e sono contento di trasmetterlo al resto del gruppo. 13 giocatori in meno sono tanti, ma anche noi che siamo qui cercheremo di dare il meglio essendo a disposizione del mister. Balotelli? Credo si fermi come gli altri giocatori forti, come Ronaldo o altri. Dobbiamo stare attenti ma dobbiamo prepararci bene alla partita. Ribery? Aldilà di un grande campione è una persona fantastica, la differenza per me tra un campione come lui che ha vinto tutto ed un calciatore forte è proprio quella componente umana che lui dimostra ogni giorno”.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO