15 Maggio 2021 · 13:16
17.7 C
Firenze

Tanti auguri a Lorenzo Venuti: il tifoso in vesti da calciatore

26 anni per il terzino destro della Fiorentina: analizziamo carriera e dettagli sul giocatore viola

 

venuti
Foto di proprietà di ACF Fiorentina. Riproduzione vietata ©

Sono 26 le candeline per il terzino destro della Fiorentina Lorenzo Venuti. Una persona speciale, attaccata alla maglia e che veramente tiene alla Fiorentina.

Nato a Montevarchi il 12 aprile 1995, inizia a giocare nelle giovanili dell’Ideal Club di Incisa Val d’Arno, formazione dilettantistica del suo paese di residenza, per poi passare all’età di 9 anni alle giovanili della Fiorentina, formazione con cui gioca in tutte le categorie giovanili fino alla Primavera nel successivo decennio.

Un fiorentino su misura, sempre sul pezzo e con voglia di lanciarsi nel calcio che conta, ma a Firenze di spazio non ne trova, vista l’inesperienza e la giovanissima età, e viene quindi spedito in serie cadetta per giocare e acquisire fiducia per poter essere utilizzato in ottica futura.

Nella stagione 2014-2015 si trasferisce in prestito secco al Pescara, in Serie B; nell’arco della stagione anche a causa di un infortunio al ginocchio non gioca nessuna partita con la prima squadra, venendo in compenso aggregato alla formazione Primavera degli abruzzesi in 3 partite di campionato e per il Torneo di Viareggio, nel quale gioca ulteriori 5 incontri. L’anno successivo viene ceduto in prestito al Brescia, con cui esordisce tra i professionisti: con i lombardi gioca infatti 2 partite in Coppa Italia e 27 partite nel campionato di Serie B.

Dopo essere tornato per fine prestito alla Fiorentina, viene ceduto in prestito dai toscani al Benevento, formazione neopromossa in Serie B, con cui disputa la stagione 2016-2017, nella quale la formazione sannita conquista la prima promozione in Serie A della sua storia.

Il 3 luglio 2017 rinnova il contratto con la Fiorentina fino al 30 giugno 2021; il successivo 7 luglio viene rinnovato il prestito alla squadra campana.Il 20 agosto 2017 fa il suo esordio in Serie A a Marassi nella trasferta persa dai sanniti per 2-1 contro la Sampdoria. Termina la sua prima stagione nel massimo campionato con 31 presenze all’attivo e fa ritorno alla Fiorentina per fine prestito.

Nell’agosto 2018 si trasferisce in prestito al Lecce; segna 3 gol (i primi nella sua carriera, il primo di questi nell’1-0 contro il Crotone) in 31 partite di campionato, contribuendo al secondo posto in classifica dei giallorossi, che vengono promossi in Serie A.

A fine stagione torna alla Fiorentina, con cui debutta in Coppa Italia nel successo per 3-1 col Monza. Il 18 ottobre 2020 sigla la sua prima rete in maglia viola contro il Padova.

Una storia movimentata quella di Lorenzo, che però mai si è arreso alla lotta che lo portava a guadagnarsi un posto nella sua Firenze; se con Montella non trova spazio, diventerà jolly di Iachini e uomo di fiducia per Prandelli, conquistandosi così anche l’amore e l’affetto dei tifosi fiorentini ai quali mancava da diverso tempo un “tifoso” nello spogliatoio.

Sacrificio e dedizione, elementi necessari per la crescita professionale ma anche umana. Da tanto, troppo tempo, mancava un uomo nello spogliatoio in grado di far trasmettere ai compagni il peso della maglia che si indossa una volta calcato il prato del Franchi.

Tanti auguri di buon compleanno Lorenzo, te li meriti tutti, con la speranza che in futuro ci possano essere più ragazzi a vestire la maglia viola in grado di poter provare lo stesso affetto che tu dimostri.

LEGGI ANCHE LE PAROLE DI SABATINI

Sabatini: “Vlahovic è l’Haaland della serie A. Commisso costruisca una grande Fiorentina”

 

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Nazione, Gattuso resta in pole ma occhio alla Lazio. Resiste la pista estera per la Fiorentina

L'accordo tra la Fiorentina e Gattuso va ancora perfezionato. Il tecnico del Napoli va accontentato ma allo stesso tempo rassicurato. Occhio però alla Lazio,...

Gazzetta: “Commisso sbaglia tutte le scelte e dà la colpa alla stampa. Nel calcio contano i risultati”

Questo quello che scrive il direttore della Gazzetta dello Sport, Andrea Di Caro, per commentare le parole di Rocco Commisso ieri in conferenza stampa “Maurizio...

CALENDARIO