25 Ottobre 2020 · 11:10
15.4 C
Firenze

Il problema della cessione di Chiesa non è la cessione. Il nuovo modulo e il rebus Bonaventura…

La questione Chiesa tiene banco sia in casa Fiorentina che in tutta Italia. Ma gli aspetti che devono far riflettere sono altri. E sul campo...

In questi giorni su stampa e televisione si parla tanto, complice anche la sosta delle nazionali che non dà spunti e notizie, della vicenda riguardante la cessione di Federico Chiesa alla Juventus, con polemiche annesse.

Argomento in voga anche nell’ambiente viola. Ma alcune cose andrebbero precisate:

1) La Fiorentina ha fatto una grande operazione. Incassare 60 milioni in periodo di Covid per un giocatore che fra due anni va in scadenza, che non vuole rinnovare, e che ha già l’accordo con la Juventus da 16 mesi ormai, è una grande operazione di mercato. Su questo bisogna dire bravi a Commisso e Pradè. Non un centesimo di sconto.

2) Trattenere il giocatore a Firenze sarebbe stato deleterio, anche lo spogliatoio ne avrebbe risentito. Sia perché non ci voleva stare, sia perché andava verso la scadenza del contratto, giugno 2022. Oltre che un danno economico non da poco.

E allora qual è stato il problema della cessione di Chiesa?

Il primo è il mancato reinvestimento dei 60 milioni ricevuti dalla cessione. È arrivato il solo Callejon che per quanto resta un giocatore molto forte, è un parametro zero che si avvia verso i 34 anni. Bene puntare oggi su di lui, ma è anche vero che non è Callejon l’investimento economico per il dopo Chiesa.

Il secondo fattore della cessione Chiesa è il comportamento da ragazzino del calciatore. Nè una parola, nè un grazie, nè una telefonata al presidente Commisso che tanto lo ha coccolato e protetto. La Fiorentina è stata la squadra che lo ha lanciato e fatto diventare un giocatore veroc, Firenze è stata la sua casa praticamente per tutta la vita. Un grazie o due parole, non di circostanza come ci aveva abituato, sarebbe stata cosa buona e giusta.

La terza, la più importante, è cercare di capire perché i giocatori più forti vanno via dalla Fiorentina. È successo lo scorso anno con Veretout, è successo quest’anno con Chiesa e anche Milenkovic è sulla stessa strada, dato che non ha nessuna intenzione di rinnovare il suo contratto in scadenza nel 2022.

Il terzo problema è quello principale, perché, onestamente, la Fiorentina vende Chiesa e incassa in totale 60 milioni di euro. Chissenefrega se i soldi arriveranno fra due anni anziché quest’anno o il prossimo, importante è che questi soldi arriveranno nelle casse della società viola.

La fuga dei giovani migliori è l’aspetto su cui ci si deve interrogare maggiormente in casa Fiorentina ma onestamente, e questo lo aggiungiamo noi, se l’obiettivo continua ad essere il decimo/nono/ottavo posto come fai a convincerli? Oggi Luca Calamai, giornalista della Gazzetta dello Sport, giurava che anche per Castrovilli si può andare in contro allo stesso problema. Ecco.

Passiamo al campo. Le caratteristiche di questa rosa non sono da 3-5-2. Lo sanno tutti tranne, come sembra, Beppe Iachini. Adesso però, con la cessione di Chiesa e l’arrivo di Jose Maria Callejon dovrebbe finalmente cambiare. Logica vorrebbe di passare al 4-2-3-1 per favorire anche Amrabat che regista non è ma soprattutto Callejon che ha caratteristiche diverse rispetto al suo predecessore.

Mettendo Pulgar affianco ad Amrabat davanti alla difesa (in quel ruolo si possono alternare Duncan e Borja Valero) resta il rebus di chi far giocare a sostegno della punta. Per logica dovrebbero giocare Callejon a destra, Castrovilli al centro e Ribery. Manca qualcuno? Si, Jack Bonaventura.

Qualcuno potrebbe dire “Meglio”, vuol dire che abbiamo alternative e panchinari all’altezza. Ed è vero. Con questo modulo la Fiorentina avrebbe una panchina e delle alternative di tutto rispetto. Il problema è che Bonaventura, ieri titolare con la numero 10 in nazionale, non è venuto di certo a Firenze per fare la panchina o per essere la prima alternativa a Ribery.

Bonaventura non può essere alternativa sia per calibro, sia per stipendio. Mettere in panchina uno che è il terzo giocatore per stipendio della rosa potrebbe essere un problema non da poco, oltre che un controsenso economico. La palla adesso passa a Beppe Iachini. Tocca veramente a lui. Devono parlare i risultati.

LEGGI ANCHE, TUTTOSPORT ANNUNCIA: “SARRI SI LIBERA DALLA JUVENTUS, TORNA SUBITO IN PANCHINA, C’È LA FIORENTINA?”

Tuttosport, Sarri si libera dalla Juventus: “Tornerà ad allenare entro dicembre. Sogno la Fiorentina”

 

CONDIVIDI

4 Commenti

  1. Né deve essere scritto così, con l’accento acuto e senza virgole a seguire. Approfondimenti? Dovresti prima farti per quanto riguarda la grammatica e la sintassi.

  2. Né deve essere scritto così, con l’accento acuto e senza virgole a seguire. Approfondimenti? Dovreste prima approfondire le nozioni base della grammatica e della sintassi. QUESTO NON È AFFATTO UN COMMENTO DUPLICATO! Attenzione a farlo passare per tale.

  3. Bonaventura prima alternativa mi pare veramente un falso problema, come kouame che spero presto non sia più impiegato da prima punta perchè sarebbe devastante da attaccante esterno. Certo come alternative ne avremmo alla grande. Farei giocare Mile terzino dx con quarta e pezzella nel mezzo.caceres diventa la prima alternativa(scusate se è poco) che può stare da tutte le parti. Difesa a tre e mezzo.
    Pulgar o duncan in mezzo con amrabat ottimo centrocampo. borja può servire allo spogliatoio e poco altro..Se Iachini riesce a trasformarsi, del resto aveva già giocato a quattro dietro no?
    Il problema è che gli facciano fare sto cacchio di stadio se no l’emorragia di giocatori non finirà.
    Questa è la verità. A meno che non arrivi Sarri e tra centro sportivo e crescita professionale continua con lui i giocatori non inizino a dire: ma chi me lo fa fare di andar via?

  4. ESATTAMENTE IL CONTRARIO : Milenkovic-Caceres-Quarta-Igor-Pezzella. 5 centrali difensivi di grande livello e diciamo che questa squadra non è disegnata per giocare con la difesa a tre. Mi sembra veramente assurdo. Un conto sono i desiderata delle masse che tra l’altro mi devono spiegare perchè Juventus Inter Atalanta Roma Lazio Verona ecc… giocano tutte con la difesa a tre. Se poi qualcuno dice che Callejon non può fare la fascia allora mi deve spiegare perchè Conte dopo Candreva adesso ci fa giocare perfino Perisic che è molto più offensivo di Callejon.

Scrivi un commento

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

ULTIMI ARTICOLI

Moggi: “Non capisco come si possa criticare Iachini se gli hanno venduto i migliori”

Luciano Moggi è stato intervistato da Tuttomercatoweb, queste le sue parole sulla situazione attuale in casa Fiorentina “Conosco poco l’ambiente ma se ci sono i...

Nazione, Ribery, troppo dolore alla caviglia, non ce la fa. Torna per la sfida contro la Roma?

Oggi quella di Franck Ribery sembra essere solo una convocazione pro-forma. È uscito infatti malconcio dalla gara contro lo Spezia, troppo il dolore alla...

CALENDARIO