27 Novembre 2021 · 03:13
9.8 C
Firenze

Gazzetta, la Fiorentina paga ancora Montella. Iachini al sest’ultimo posto dietro a Juric e F.Inzaghi

Ecco gli stipendi percepiti dahl

Dopo l’analisi di ieri mattina sugli ingaggi dei giocatori, La Gazzetta dello Sport sposta la lente di ingrandimento su quelli degli allenatori.

In questa particolare classifica, Antonio Conte è davanti a tutti, con i suoi 12 milioni netti fino al 2022 (al club costano 24 lordi). Pirlo, alla Juve, ha un ingaggio di 1,8 milioni, più importanti bonus per la Champions League. Legato ai bianconeri, momentaneamente, c’è ancora Sarri, con uno stipendio netto di 5,5 milioni. Mentre ancora con un contratto con i nerazzurri c’è Spalletti, per 4,5 milioni netti per un altro anno.

FIORENTINA

Passiamo adesso ad analizzare la Fiorentina. Iachini è il sest’ultimo allenatore del campionato, con uno stipendio da 900 mila euro. Ma nelle casse viola pesa ancora il contratto di Montella, legato per 1,5 milioni fino a giugno 2021. Insomma,Commisso spende quasi 5 milioni lordi per i suoi tecnici.

LE ALTRE

Il Genoa ha tre allenatori a libro paga: l’attuale allenatore dei Grifoni, ovvero, Maran a 850 mila euro netti, ma non solo. Preziosi ha ancora tesserati sia Andreazzoli (700 mila) che Nicola (600 mila). Il totale rossoblù è da grande squadra: 4,3 milioni lordi.

Gli emergenti De Zerbi e Juric hanno rinnovato rispettivamente con Sassuolo (1,1 milioni netti) e Verona (1 milione). Giampaolo e Di Francesco (entrambi a quota 1,5 milioni) hanno trovato nuovi entusiasmi dopo le delusioni con il Milan e la Sampdoria. Al primo il Torino ha assegnato un progetto ambizioso, ma anche il Cagliari si aspetta molto dall’ex romanista. Mentre, come detto in precedenza, dietro il primatista in assoluto Conte ci sono Fonseca (2,5 milioni netti) e Gasperini (2,2), a seguire ci sono, con 2 milioni netti, Simone Inzaghi, Mihajlovic e Pioli.

LA CLASSIFICA

LEGGI ANCHE

Gazzetta, Fiorentina al 7° posto (con 55 milioni) per monte ingaggi: Ribery è il più pagato

Repubblica, Iachini, ora spetta a lui “attaccare” l’Europa, per la dirigenza la rosa è forte

 

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO