Oreste Cinquini,fresco ex ds di  Zenit San Pietroburgo e Fiorentina, nel corso del pomeriggio si è espresso a proposito dei principali temi di casa viola: “A Firenze portai Lorenzo Amoruso dal Bari, non lo conosceva nessuno e poi è diventato quello che sappiamo. Vittorio Cecchi Gori difendeva a spada tratta i propri giocatori, ma quando arrivano proposte fuori norma è difficile resistere. Prendete l’esempio di Milinkovic-Savic, lo scorso anno spaccava il mondo, oggi fatica a ripetersi. Rimanendo troppo nella stessa squadra rischi di non confermarti. Si possono anche pescare tre-quattro giovani l’anno, ma ormai il mercato è fuori controllo. Pensate al costo dei vari Neymar, Mbappe, Ronaldo… competere con certe realtà è impossibile per la realtà di Firenze. I numeri e i soldi vengono prima di tutto, anche dell’amore dei tifosi. Inutile sperare: le figure come Antognoni e Totti non esistono più, Chiesa prima o poi se ne andrà altrove”.

Fonte: Lady Radio