Il terremoto societario dei passi indietro nei piani alti della società potrebbe portare la bandiera Giancarlo Antognoni nuovo presidente della Fiorentina. È questa la grande indiscrezione che circola negli ambienti viola poco prima del prossimo CDA della società viola che si terrà verso la metà di questo mese.

Andrea Della Valle si dimetterà da presidente onorario e Mario Cognigni, oggi presidente esecutivo, potrebbe diventare lui il nuovo presidente onorario della squadra con Giancarlo Antognoni che andrebbe a ricoprire la carica di presidente esecutivo. Più difficile, quasi impossibile, che ci sia un passo indietro di Cognigni che nel caso non diventasse presidente onorario al posto di Andrea Della Valle, avrebbe lo stesso un ruolo di primissimo piano nell’organigramma societario della Fiorentina.

Ad oggi tutto è in divenire, la grande idea di far diventare Giancarlo Antognoni nuovo presidente viola è una mossa che va letta come un passo verso i tifosi. Questa è la grande speranza dei Della Valle. E in questo senso che va letta questa possibilità concreta. Il popolo viola non vorrebbe altro.

Intanto continuano le voci sul futuro di Bernardeschi, il calciatore come detto, aspetta di parlare con Andrea Della Valle ma adesso il dubbio sorge reale: ci sarà mai questo incontro? Nel frattempo i media nazionali parlano di duello tra Inter e Juventus per accaparrarsi il numero dieci della Fiorentina ma adesso la situazione è un po diversa. Infatti oltre alla volontà ferra della società viola di vendere nel caso il calciatore solo all’estero, c’è anche la realtà dei due club che non hanno assolutamente messo Bernardeschi in cima alle loro preferenze.

L’Inter spera di trattenere Perisic e nel caso di cessione virerà su profili di livello molto più alto, da Milano parlano di James Rodriguez o Di Maria. La Juventus invece fa sapere di non voler trattare con la Fiorentina data l’ostinazione viola nei confronti della società buonanera e anche Marotta e Paratici sembrano abbiano altri obiettivi per quel ruolo: Douglas Costa e Di Maria (anche loro).

 

Flavio Ognissanti

Comments

comments