“Babacar o Simeone? Devo ancora decidere chi giocherà, dipende da tanti fattori. Mi prenderò una notte per decidere. Baba non ha fatto proprio una preparazione eccezionale”

Con eleganza e con toni molto bassi il nuovo allenatore della Fiorentina ha lanciato la sua prima stoccata oggi in sala stampa parlando della formazione per la partita contro l’inter di domani. Viene da dire “cambiano gli allenatori ma la storia resta la stessa”. Si perché non è la prima tirata d’orecchie che il centravanti senegalese si prende dai propri allenatori. È successo con Montella, è successo con Paulo Sousa e oggi, pronti via è successo anche con Stefano Pioli.

Detto questo però Babacar dovrebbe partire titolare contro i neroazzurri. Sarebbe troppo grande la bocciatura se un attaccante arrivato l’altro ieri in gruppo e con soli due allenamenti con la casacca viola gli rubasse già il posto. Ma il segnale di Pioli a Baba è stato già forte e chiaro.

L’allenatore viola non risparmia nessuno, nemmeno Nikola Kalinic, ormai virtualmente con la maglia del Milan addosso che lunedì farà le visite mediche con il club rossonero.

“Non vedo l’ora che questa situazione si risolva, sia per la Fiorentina sia per il calciatore che in quanto a correttezza e professionalità ha lasciato molto a desiderare”

Parole che dette per uno degli attaccanti più forti della serie A e così in pubblico sono proprio dei macigni. Non stiamo parlando di un giovane ma di un calciatore affermato, e certe parole non fanno per niente bene al croato per la sua carriera.

Pioli ha inagurato così il suo campionato, con una squadra che a lui piace tantissimo e con una Fiorentina che ha un obiettivo preciso e sbandierato, il ritorno in Europa.

Intanto domani si è di scena a San Siro con la più grande sorpresa che dovrebbe essere l’esordio di Gil Dias dal primo minuto. Esordio dal primo minuto anche per Veretout, Benassi, Eysseric e Vitor Hugo. In attesa poi di Pezzella, grande colpo per la difesa viola.

Meno di 24 ore e sarà campionato. Finalmente. Stupiscici Fiorentina!

 

Flavio Ognissanti

Comments

comments