27 Gennaio 2022 · 08:35
4.6 C
Firenze

Protti: “Le parole di Prandelli sono molto belle. Nel calcio il gruppo deve prevalere sulle individualità”

Le parole di Igor Protti ai microfoni di TMW Radio dopo le dimissioni di Cesare Prandelli da tecnico della Fiorentina

Mezzo secolo per il Re di Livorno. Auguri a Igor Protti - Livornopress - notizie livorno

Igor Protti, ex centravanti, è intervenuto ai microfoni di Stadio Aperto, trasmissione di TMW Radio, per parlare delle dimissioni di Cesare Prandelli da tecnico della Fiorentina. Ecco le sue parole:

PRANDELLI “Nel nostro paese è sempre stata una fetta importante, e c’è sempre di più la possibilità per tutti di esprimere la propria opinione. Una cosa bella, anche se andrebbe sempre fatto nei giusti modi e termini, con la consapevolezza che parlare è semplice e fare è complicato. La lettera di Prandelli è molto bella: non lo conosco di persona, ma si è sempre dimostrato sensibile e probabilmente in questo momento ciò l’ha portato a percepire alcune di quelle cose di cui parlavo. Andrebbe riportato il calcio su quei binari in cui il gruppo prevale sulle individualità, questo è importante“.

CALCIO MODERNO “Nel calcio di oggi ci sono tante cose che non amo tanto, ma devo anche prendere coscienza che il mondo va avanti, e cambia continuamente. Io ho iniziato a giocare nel lontanissimo ’83/’84 e smesso nel 2005, già nei 21 anni di carriera ho vissuto step di cambiamento rapido. Ci dobbiamo adattare, ma penso e dico che a volte per migliorarsi non bisogna guardare soltanto avanti, ogni tanto anche indietro per capire”.

MANCANZE DEL CALCIO MODERNO “Senso d’appartenenza, capire che il calcio è fatto di passione. Dirlo in questo anno di stadi vuoti è ancora più difficili, visto che quest’assurdità toglie l’atmosfera che è l’altra grande bellezza del calcio. Indossare una maglia deve significare qualcosa di importante: rappresenti storia, città, tifoseria. Questo è il calcio che ho vissuto io, oggi mi pare un po’ diverso e vorrei si tornasse a certi valori”.

LEGGI ANCHE:

DOVELLINI: “IACHINI ANDÒ VIA E FU SALUTATO SUI SOCIAL. JURIC PIACE A PRADÈ. COMMISSO, SERVE RIVOLUZIONE”

Dovellini: “Iachini andò via e fu salutato sui social. Juric piace a Pradè. Commisso, serve rivoluzione”

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO