27 Settembre 2021 · 01:02
17.7 C
Firenze

Mourinho: “Ho detto a Italiano che faranno strada, la Fiorentina gioca bene e ci ha messo in difficoltà”

Josè Mourinho ha parlato dopo la vittoria contro la Fiorentina nella prima giornata di campionato, tanti complimenti a Italiano

Tottenham Hotspur’s Portuguese head coach Jose Mourinho looks on during the English Premier League football match between Fulham and Tottenham Hotspur at Craven Cottage in London on March 4, 2021. (Photo by NEIL HALL / POOL / AFP) / RESTRICTED TO EDITORIAL USE. No use with unauthorized audio, video, data, fixture lists, club/league logos or ‘live’ services. Online in-match use limited to 120 images. An additional 40 images may be used in extra time. No video emulation. Social media in-match use limited to 120 images. An additional 40 images may be used in extra time. No use in betting publications, games or single club/league/player publications. / (Photo by NEIL HALL/POOL/AFP via Getty Images)

Dopo il successo contro la Fiorentina, il tecnico della Roma José Mourinho ha parlato ai microfoni di DAZN, queste le sue parole registrate da TMW:

“E’ stata una partita bella, anche se noi non abbiamo giocato troppo bene. Però mi è sembrata una partita vera. Loro sono stati bravi, noi in undici contro undici bene, in dieci contro dieci bene. In undici contro dieci non troppo bene. Come gioca la Fiorentina è la squadra di un allenatore bravo. Devo dire che l’arbitro non ne ha sbagliato una. Il VAR è stato fenomenale, è lì per questo: per risolvere i piccoli errori che sono decisivi nel risultato. Mi è piaciuto lo spirito. Abbiamo avuto difficoltà che non mi aspettavo. Penso che in undici contro dieci abbiamo perso nella pressione. In dieci contro dieci siamo entrati di nuovo nel gioco, abbiamo avuto l’opportunità di segnare subito e controllare la partita”.

Shomurodov e Abraham insieme?
“Certo. Anche oggi abbiamo parlato di questo perchè non è facile lasciare in panchina un giocatore che ha segnato in tre gare di fila. Può giocare a sinistra, può giocare con Abraham però in questo momento Shomurodov e Abraham sono un po’ indietro perché si sono aggregati dopo con noi. Abbiamo delle soluzioni, però posso dire che ho visto spirito, solidarietà, organizzazione difensiva, poi dal punto di vista offensivo miglioreremo piano piano. La Fiorentina ha giocato bene e devo dare il giusto merito a Italiano, non è stato facile per lui fare assimilare il suo gioco in così poco tempo”.

Che giudizio dà alla prestazione di Abraham? E come è nata l’idea di schierarlo dall’inizio?
“Lui è un giocatore importante, con lo spazio che c’era pensavo fosse la partita di Abraham. L’ho sostituito perché era stanco ma lo avrei comunque cambiato per Shomurodov, Abraham è più bravo come referente con Pellegrini e Mkhitaryan che sviluppano il gioco. La Fiorentina ha giocato molto bene e ci ha messo in difficoltà”.

Veretout nel secondo tempo molto più pericoloso?
“Noi ovviamente iniziamo la partita undici contro undici e dopo il rosso a Dragowski i nostri giocatori più offensivi hanno pressato più alto. Nella ripresa Jordan si è alzato in più e poteva pressare meglio per arrivare in posizioni più pericolose”.

L’esordio?
“Da quando ho firmato con la Roma ho sentito questo affetto. Non ho fatto niente per i tifosi, anzi ho vinto una Coppa Italia qui contro di loro, però c’è attrazione. Sono arrivato avendo rispetto per le mie squadre passate e ora sono uno di loro, voglio mettere questo tipo di sentimento nei giocatori. I ragazzi hanno dato tutto, giovedì siamo tornati alle 4 del mattino, c’erano giocatori poco freschi ma abbiamo giocato con empatia, lo si è visto anche in amichevole”.

PJANIC ALLA FIORENTINA? YES, WE CAN

Corriere Fiorentino, Pjanic-Fiorentina: c’è l’aiuto di Ramadani. Idea Cistana per la difesa

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO