Tempo di bilancio e di giudizi in casa Fiorentina, il tecnico Stefano Pioli si confronta ogni giorno con i due direttori di casa viola, vale a dire Freitas e Corvino, come tra l’altro anche ribadito dall’allenatore viola dopo la partita vinta contro la Sampdoria.

Il mercato è alle porte, poco più di 15 giorni e si entrerà nel vivo della sessione invernale del calciomercato. Il destino di molto giocatori gigliati sembra segnato, il campo ha dato i suoi verdetti, le scelte di Pioli ne hanno confermato l’esito.

Maxi Olivera, il terzino uruguaiano arrivato a Firenze per sostituire la partenza di Marcos Alonso non ha mai convinto nessuno, per lui l’esperienza a Firenze si è conclusa, Olivera verrà venduto. Su si lui ha pesato in via definitiva il giudizio di Stefano Pioli che lo ha bocciato definitivamente.

Milan Badelj, il centrocampista croato resterà alla Fiorentina almeno fino a giugno poi in quel momento sarà libero di accordarsi con chi vuole. Il discorso rinnovo però non è tramontato definitivamente, il calciatore sembra che la decisione definitiva la prenderà solo in primavera, anche perché le offerte di un certo livello per lui sembrano non esserci.

Ianis Hagi, il rumeno andrà via in prestito a gennaio. Fosse dipeso da Pioli, magari il giocatore sarebbe stato venduto a titolo definitivo già a gennaio. Ma Hagi è un talento su cui la società ha puntato e su cui Corvino crede molto, andrà via per giocare poi al ritorno sarà valutato il suo percorso di crescita.

Babacar, il senegalese resterà a Firenze. Almeno fino a giugno dove poi verrà presa una decisione definitiva sul suo futuro dove il contratto in scadenza nel 2019 giocherà in ruolo cruciale nelle valutazioni della società viola.

Simone Lo Faso. Il talento italiano di scuola Palermo non si è praticamente mai visto in campo, salvo uno spezzone contro il Benevento, ma la valutazione di Stefano Pioli nei suoi confronti è opposta rispetto a quella del suo coetaneo Hagi. Lo Faso resterà alla Fiorentina a gennaio e verrà riscattato a fine anno per 2,7 milioni di euro dalla società.

Cristoforo, questo è il caso più complicato. Il centrocampista classe 93 ex Siviglia non ha mai giocato quest’anno, Pioli non lo considera all’altezza della situazione ed è chiaramente sul mercato. Ma per lui mancano le pretendenti, toccherà al suo agente (lo stesso di Olivera) trovare una squadra pronta ad ingaggiarlo.

 

Flavio Ognissanti

Comments

comments