28 Novembre 2021 · 06:12
7.8 C
Firenze

KOKORIN RISCHIO CALCOLATO, NON SI POTEVA SPENDERE SENZA FUTURO. ADDIO PRADÈ

Si chiude il mercato di gennaio per la Fiorentina. Arrivano Kokorin, Malcuit e Rosati, sono andati via Saponara, Cutrone e Duncan

Firenze, conferenza stampa di presentazione di Aleksandr Kokorin 2021 01 27 © Lorenzo Berti/Massimo Sestini

Lo avevamo detto (LEGGI QUI) sarebbe stato un mercato povero economicamente per la Fiorentina, non perchè la società viola non potesse spendere ma perchè con un progetto tecnico che si appresta a finire, sarebbe stato sbagliato fare il contrario con giocatori normali che sarebbero stati pagati anche di più del loro reale valore. A giugno ci sarà un nuovo allenatore con un nuovo direttore sportivo, investire oggi sarebbe stato sbagliato. A meno che il giocatore era il Papu Gomez, che avrebbe messo tutti d’accordo, presente e futuro. Ma per lui la tentazione di andare a giocare la Champions è stata troppo più forte.

Kokorin è un rischio calcolato, un esborso da 4 milioni di euro per un calciatore che ne vale, almeno il triplo. E’ una scommessa a tutti gli effetti, se dovesse andar bene hai vinto sotto tutti i punti di vista, tecnico ed economico, se invece dovesse andar male economicamente non ci avrai perso nulla. Stesso identico discorso per Malcuit che arriva dal Napoli in prestito secco. Kevin Malcuit, classe 1991, fino ad un anno e mezzo fa era il terzino destro preferito da Carlo Ancellotti che voleva lottare per lo scudetto con il suo Napoli. Poi si è perso, in un anno praticamente non ha mai giocato. Anche in questo caso, se va bene ti ritrovi in rosa un esterno destro di difesa di buon livello, se dovesse andar male torna a Napoli con tanti ringraziamenti e saluti.

Da un punto di vista tecnico, l’obiettivo della Fiorentina in questa stagione è la salvezza da raggiungere il prima possibile. Per questo misero obiettivo per il ruolo di centravanti basta e avanza Dusan Vlahovic, che avrà a disposizione anche questa stagione per crescere, giocare e maturare in attesa di una Fiorentina da alto livello. Come ha detto Pradè, chi è andato via lo ha fatto perchè espressamente richiesto, vedi Lirola e Duncan, che non giocavano praticamente mai.

Non si può rimproverare nulla alla società in questo mercato, del resto andavano fatti meno danni possibili in vista della rivoluzione di giugno, cercando di accontantere Prandelli in alcuni ruoli dove c’erano delle mancanze. Il tecnico viola avevo chiesto giocatori integri che conoscevano il nostro campionato, Prandelli non è stato accontentato ma purtroppo a gennaio trovare giocatori forti e felici da prendere subito è praticamente impossibile, a meno che non si spendano tanti soldi, in questo caso i cambiamenti tecnici e societari che ci apprestiamo a vivere hanno giocato un ruolo importante nelle scelte.

Flavio Ognissanti

Commisso: “Fiorentina? Forse presa in tempi sbagliati. Vlahovic non lo do a nessuno. Mercafir buffonata”

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO