28 Novembre 2021 · 07:44
6.8 C
Firenze

Irma D’Alessandro: “Vlahovic-Kokorin? Sulla carta promettono scintille. Nell’82 Antognoni mi disse…”

"Lo stadio di proprietà è davvero la 'casa' del tifoso. Prandelli ha fatto la scelta giusta"

Oggi in esclusiva per Labaroviola.com abbiamo avuto il piacere di intervistare Irma D’Alessandro, nota giornalista sportiva, inviata e conduttrice televisiva.

Sei stata il primo volto femminile su Mediaset Sport, che cosa ricordi del tuo debutto sul grande schermo? Che ne pensi delle nuove figure femminili nel mondo del calcio? Spesso ancora legate a pregiudizi…

“L’inizio è stato molto tempo fa, nell ’89, il tg di allora si chiamava Sportime e, con Guido Meda (la conduzione era in coppia), andavamo a Koper (Capodistria, l’ex Jugoslavia)  per trasmettere in diretta da Telecapodistria. In Italia non era permessa ancora la diretta per le tv private. Era tutto avventuroso, nuovo ed emozionante. I pregiudizi ci sono stati e tanti… ma ora, finalmente, dopo decenni è tutto molto sfumato. Ed il livello di preparazione richiesto fa inevitabilmente selezione, anche in tv, anche nel giornalismo sportivo femminile”.

Nel 2009 hai scritto la prefazione del libro “La gestione della sicurezza degli impianti sportivi”, la domanda che sorge d’obbligo è: a Firenze il tema stadio tiene banco, tra chi è pro-restyling del Franchi e chi vorrebbe un nuovo impianto a Campi Bisenzio, che cosa ne pensi? Per far crescere la Fiorentina, quale credi possa essere la miglior soluzione?

“La prefazione di quel testo (opportunità che mi fu data all’epoca dal Ministero di Grazia e Giustizia e dal magistrato Stefano D’Ambruoso) fu un modo per raccontare l’esperienza vissuta sul campo ed in prima persona, come cronista inviata all’estero e spesso in UK, di come il ‘modello inglese’ negli stadi avesse funzionato, dalla sua applicazione, con efficacia per la prevenzione della violenza negli stadi e come modello di efficienza.

I club di Premier League (ma non solo, pensiamo anche all’esperienza dei club tedeschi e non solo di Bundesliga) hanno dimostrato che lo stadio di proprietà è un enorme moltiplicatore finanziario nonché davvero la ‘casa’ del tifoso e della propria squadra del cuore”.

Nei tuoi anni di carriera da giornalista sportiva, qual è il calciatore della Fiorentina che ti ha maggiormente impressionata? Perché?

“Un solo nome, Giancarlo Antognoni. E’ a lui che feci la mia prima intervista, da giornalista esordiente. Era maggio dell’82, si era appena ripreso dal terribile incidente con Silvano Martina. Gli chiesi molte cose, fu gentile con me che ero una sconosciuta e ragazzina. Ma mi disse una cosa che non ho mai dimenticato: “Abbiate più fiducia in questa Nazionale”.  Di lì a poco, vincemmo il Mondiale di Spagna”.

La situazione in casa Fiorentina non è delle migliori, ci si aspettava almeno una posizione costante nella parte sinistra della classifica ed invece ora si trova sempre un po’ con l’acqua alla gola, costretta a far risultato… secondo te qual è il principale problema di questa squadra? 

“La ricerca della continuità nei risultati, questo l’obiettivo, a mio parere, più che il principale problema. Credo che il lavoro di Cesare Prandelli sia teso a raggiungere questo obiettivo”.

Prandelli è tornato sulla panchina viola dopo aver lasciato dei bellissimi ricordi nella sua precedente esperienza. Secondo te, ha fatto la scelta giusta?

“Penso di sì, è una sensazione. Firenze, per Cesare Prandelli, è luogo del cuore senza alcun dubbio”.

Vlahovic contro il Crotone ha segnato il suo 7° gol in stagione, sembra essersi sbloccato dall’arrivo di Prandelli in panchina che gli sta dando fiducia. Può essere il futuro bomber della Fiorentina?

“Sono molto più curiosa di vedere invece insieme all’opera la coppia Vlahovic-Kokorin. Sulla carta, promettono scintille… in area avversaria!”

intervista a cura di Lisa Grelloni

LEGGI ANCHE, PRIMAVERA, LA FIORENTINA VINCE ALL’ULTIMO RESPIRO 2-1 CONTRO L’INTER. AL 92′ GOL VITTORIA DI DI STEFANO

Primavera, la Fiorentina vince all’ultimo respiro 2-1 contro l’Inter. Al 92′ gol vittoria di Di Stefano

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO