1 Agosto 2021 · 00:23
24.7 C
Firenze

Il nuovo stadio viola pronto fra 47 mesi. Le tre regole che Commisso ha dato a Nardella

Il nuovo stadio della Fiorentina pronto in meno di 48 mesi. Rocco Commisso viaggia davvero fast, più veloce di tutti. Ha dettato il suo piano di lavoro, snello ed efficace, e lo ha fatto davanti al sindaco di Firenze Dario Nardella, che vuole stare al suo passo. Punta a vincere la sfida anche il Comune.

«Voglio che la mia squadra giochi la prima partita lì tra meno di quattro anni. Ho rubato un mese: anziché farlo in 48 mesi, lo voglio in 47. Voglio vedere la Fiorentina giocarci la prima gara del 2023, a settembre (dunque, stagione 2023/24). Da Campo di Marte (dove si era immaginato inizialmente un restyling del Franchi, reso complicato dai vincoli monumentali), ci siamo spostati sulla Mercafir. So che c’è una task-force (a cui partecipa anche Joe Barone): tanto lavoro è già stato fatto, ma ci vuole ancora tempo per arrivare a un punto».

Rocco Commisso, insieme alla moglie Catherine – il sindaco ha sorpreso la coppia con una dedica per l’anniversario di nozze al suono di violino – non si è fermato nemmeno stavolta. Ha riposato giusto un’ora, dopo l’atterraggio a Roma e il viaggio verso Firenze in macchina, e si è subito rimesso in moto. Nessun plastico, ha richiesto solo tre cose, che i suoi «tre punti vengano rispettati».

«Uno: viaggiare “fast, fast, fast”. Due: costi giusti, per comprare i terreni e per le infrastrutture, oltre che naturalmente per costruire lo stadio. Tre: se io investo i soldi, voglio avere il controllo di ciò che succede (dunque area di proprietà)».

Corriere dello Sport

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Gasperini: “Ilicic? Ha chiesto di andare via. Rispetto la sua scelta”

Il tecnico dell'Atalanta, Giampiero Gasperini, ha parlato in conferenza stampa dell'ex giocatore della Fiorentina, Josip Ilicic, prima dell'amichevole con il Pordenone. Queste le sue parole:...

CALENDARIO