27 Novembre 2020 · 01:35
7.9 C
Firenze

Il Coronavirus non blocca Commisso: darà il massimo per creare una squadra competitiva

di Giancarlo Sali

Rocco Commisso non si frena nemmeno di fronte al Covid-19. Le sue ambizioni, raccontate quasi quotidianamente dal suo mentore Joe Barone, ci raccontano un presidente della Fiorentina voglioso di creare una squadra competitiva, nonostante tutto, per il prossimo anno.

Il Coronavirus infatti rende ancora incerta la ripresa del Campionato di Serie A, con tutto quello che ne consegue: perdita potenziale di milioni di euro dei diritti tv e svalutazione importante del proprio parco calciatori. Per questo il prossimo calciomercato si prevede che sarà incentrato soprattutto sugli scambi.

L’allentamento del fair play finanziario però, che dovrebbe prevedere il controllo degli esercizi economici delle squadre di calcio ogni due anni invece che uno e lo sforamento che nel triennio precedente potrebbe passare, sempre temporaneamente per l’emergenza Covid-19, da 30 a 60 milioni di euro, dovrebbe venire a dare una mano al nostro Rocco, che è pronto a rimetterci di tasca propria, come già ha fatto la scorsa stagione, pur di riuscire a costruire una squadra questa volta in grado di puntare all’Europa.

Paquetà, Belotti e non solo: tanti nomi importanti circolano in queste ore intorno al mondo Fiorentina, ma di certo saranno necessarie anche alcune cessioni per poter finanziare un mercato che per Viola è già iniziato (Barone stesso ha raccontato che la società gigliata sta trattando un campionissimo del quale non ha voluto giustamente indicare il nome).

Insomma una situazione economica difficile anche per le squadre più potenti della Serie A, ma dalla nostra abbiamo un presidente pronto a dei sacrifici, più della media degli altri patron di Serie A, e quindi il tifoso fiorentino può reputarsi fortunato.

Il tutto ovviamente anche in attesa che politiche e burocrazie locali e nazionali permettano al presidente della Fiorentina di costruire il nuovo stadio con tanto di attività commerciali, che genererebbero un aumento dei ricavi della società viola da poter dirottare sulla squadra. Insomma un Commisso generoso, ma che da solo, con le regole che abbiamo, non potrà mai spendere quello che vorrebbe senza il nuovo business dello stadio.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Dall’Argentina: “Maradona è morto povero. Regalava tutto e gli è stato preso molto da famigliari e amici”

Le affermazioni di Ventura stupiscono non solo alla luce della fortuna guadagnata a Dubai, ma anche in virtù del milionario contratto con la Dinamo...

Bonan: “Montiel? Non so se sia stata una mossa della disperazione di Prandelli ma ha funzionato”

"La Fiorentina ieri stava sprofondando - ha detto Alessandro Bonan a Sky Sport - Prandelli poi nei supplementari ha dato fiducia al giovane Montiel...

CALENDARIO