Milan cerca un attaccante. Il sogno dei rossoneri è Aubameyang, per il quale il Tianjin di Cannavaro offre 75 milioni. L’opzione di riserva è Kalinic. Ieri a Milano c’è stato un faccia a faccia significativo tra l’agente dell’attaccante croato (Erceg) e il d.g. viola Pantaleo Corvino. Picche. Se Kalinic ha fatto sapere che gradisce il trasferimento al Milan, il manager della Fiorentina è stato ancor più netto: “Niko è incedibile”.

A Firenze sono giorni caldi e Corvino li affronta con fare risoluto. E questo rallenta non poco le operazioni milaniste su questo fronte. Se una settimana fa i contatti indiretti avevano fatto emergere una differenza di 10 milioni di euro (offerti 20 milioni contro una valutazione di 30), adesso siamo addirittura al muro contro muro. Evidentemente i vertici rossoneri contano sul pressing del giocatore per strappare il prezzo migliore, ma devono far i conti con l’intransigenza del dirigente dei toscani che, ora più che mai, considera incedibile il proprio cannoniere.

Un irrigidimento che allunga i tempi di una trattativa in cui sinora i diretti interessati non si sono mai incontrati, a dispetto del lavoro dei vari intermediari comparsi in scena.

La Gazzetta dello Sport

Comments

comments