di Flavio Ognissanti

E’ passato quasi un anno dalla notizia data da noi in esclusiva di un grosso imprenditore del nord America interessato ad acquistare la Fiorentina. Non era una bufala, come qualcuno ci aveva accusato, ma era un reale interessamento da parte di un ricchissimo gruppo di imprenditori a stelle e strisce, a capo c’era un uomo cui le sue aziende sono famose in tutto il mondo. Un interessamento concreto seguito da alcuni sondaggi, ma non si andò oltre.

Pochi giorni fa ha parlato il 58enne avvocato italo-americano Charlie Stillitano, che secondo quanto riporta il New York Times risulta essere il manager invisibile più potente al mondo per quanto riguarda il calcio, ha dichiarato e confermato “Gli investitori americani guardano al Campionato italiano con interesse. E’ il torneo di Cristiano Ronaldo. Si può investire. In quali club? Roma e Fiorentina sono tra le più appetibili, 2 città fantastiche, conosciute in tutto il mondo. Il viola della Fiorentina mi piace”. Frankie Campagna, considerato il suo braccio destro, ha poi spiegato ancora più chiaramente: “Ci sono quaranta città più belle del Mondo secondo Forbes, di queste quattro sono italiane e la prima è Firenze”.

Ecco, non proprio i primi scemi scappati di casa, qualcuno ci dovrebbe chiedere scusa dopo le accuse che ci riservò un anno fa, ma su questo andiamo oltre.

Oggi però, oltre a queste parole cosi nette e importanti, la realtà è diversa rispetto ad un anno fa e a quell’interessamento che abbiamo ampiamente scritto e raccontato.

Oggi siamo vicini ad una svolta senza precedenti nel mondo Fiorentina, tralasciando le difficoltà tecniche attuali, in questo momento, come mai nella storia viola, siamo davvero ad un passo dalla costruzione del nuovo stadio con annessa cittadella commerciale, un progetto che porterebbe la società viola tra le più importanti in Italia e in Europa. Una svolta economica pazzesca per i colori viola.

Un anno fa eravamo lontani dall’obiettivo finale, adesso invece, con la società viola che ha già iniziato i carotaggi nell’area interessata, siamo davvero alla fase finale del processo di costruzione.

Pensare che proprio adesso la famiglia Della Valle voglia vendere la Fiorentina sarebbe davvero un qualcosa che è lontano dalla realtà. Al massimo, ci potrebbe essere spazio per dei partner economici al fianco della famiglia marchigiana, ma non una cessione.

Per fortuna dei tifosi viola, entro un anno sapremo e capiremo tutto, o si inizia la costruzione del nuovo stadio e della nuova cittadella commerciale, o davvero si inizierà il processo di vendita della società gigliata. Vivacchiare non piace prima di tutto ai Della Valle che senza lo stadio, penserebbero seriamente alla vendita.

 

LEGGI LA NOSTRA NOTIZIA DI UN ANNO FA: UN RICCO IMPRENDITORE DEL NORD AMERICA VUOLE LA FIORENTINA. PRESTO INCONTRO CON LA SOCIETÀ VIOLA?