2 Marzo 2021 · 09:16
6.8 C
Firenze

DE LAURENTIIS, LEZIONE A DELLA VALLE. TRE ANNI FA IL FATTURATO ERA UGUALE. POI…

Carlo Ancelotti è il nuovo allenatore del Napoli, percepirà un ingaggio da 6,5 milioni di euro l’anno.

Boom. Se mai qualcuno avesse avuto qualche dubbio, adesso magari ne avrà sempre meno. Il Napoli è diventata a tutti gli effetti una big del calcio Italiano. Dopo un ciclo fantastico arrivato alla conclusione il patron azzurro rilancia portando sulla propria panchina uno del calibro di Carlo Ancelotti.

Questo vuol dire avere un progetto chiaro e vincente.

Il Napoli, semmai qualcuno lo avesse dimenticato, ha fatto lo stesso percorso della Fiorentina. In serie C per fallimento, passando per la B, tornata in A ha iniziato un progetto che ogni anno l’ha vista andar meglio dell’anno precedente.

Fino a tre anni fa il percorso è stato pressoché identico. Viola e azzurri andavano praticamente di pari passo. Anzi, a dire il vero la Fiorentina con il ciclo di Prandelli fece meglio di quanto fatto dalle parti del San Paolo, la squadra viola andava regolarmente in Europa, lottava e conquistava la Champions League.

Lo stacco c’è stato dopo il 2014. In quella stagione Napoli e Fiorentina si giocarono all’Olimpico di Roma la finale di Coppa Italia, con la squadra di Montella che sulla carta era anche più forte di quella di Benitez.

La stagione 2014/2015 vide ad esempio lottare fino a gennaio Napoli e Fiorentina per il titolo di campione d’inverno del campionato. Proprio a dimostrazione che i due progetti andavano davvero di pari passo anche se già da quell’anno il Napoli fece investimenti maggiori rispetto a quelli di casa viola.

Per far capire meglio il concetto, vediamo le entrate e il fatturato della stagione 2015/2016

La differenza tra Napoli e Fiorentina in quella stagione economicamente era di soli 20 milioni di euro considerando, cosa non da poco, che in quella stagione la squadra azzurra faceva la Champions League e quella viola l’Europa League.

Poi cosa è successo?

Il Napoli ha saputo fare calcio, non ha sbagliato la scelta del direttore sportivo, i Della Valle hanno scelto Corvino che ha speso in due anni 120 milioni di euro collezionando due ottavi posto consecutivi.

È curioso vedere una squadra che fino a 3 anni fa aveva il fatturato della Fiorentina oggi è diventata una big del calcio italiano. A Napoli sono cresciuti attraverso scelte azzeccate, A Firenze ne sono stati sbagliate il 90% degli investimenti.

È poi strano far notare come l’autore di questo disastro sia ancora al comando delle gestione economica e tecnica della Fiorentina. Stiamo parlando di Pantaleo Corvino.

Molti per difenderlo parlano dei colpi Veretout e Pezzella indubbiamente acquisti azzeccati, ma il problema è l’intera gestione tecnica. Non entriamo nel merito di tutte le scelte ma basta dare uno sguardo a Napoli per capire ciò che sarebbe potuto essere e invece non è stato a dalle parti di Campo di Marte.

Dimostrazione che con la programmazione si scalano posizioni, si arriva stabilmente in Champions e si raddoppia il fatturato passando anche da cessioni.

Il Napoli ad esempio ha venduto Higuain per 90 milioni, con quei soldi ha costruito una squadra capace di lottare per lo scudetto. La Fiorentina quest’estate ha venduto calciatori per 120 milioni di euro, ha speso tanto, sbagliando troppo ed è arrivata ottava. Una bella differenza. Enorme.

Una differenza che non sta nel denaro, il fatturato passato lo dimostra, ma su come lo si spende. Si può vendere, ma il passaggio fondamentale resta come si spendono i soldi incassati.

Un grande insegnamento di De Laurentiis nei confronti della proprietà viola.

Per il prossimo anno i tifosi viola hanno già avuto l’avvertimento di Pioli “Sicuramente sulla griglia di partenza della prossima stagione saremo dietro a 6 squadre”. Non proprio il massimo.

Flavio Ognissanti

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Cassano: “Prandelli maestro di tattica, sta mettendo toppe. Si è trovato la squadra fatta da Iachini”

Antonio Cassano ha parlato della Fiorentina all'interno della Bobo Tv, commentando cosi l'andamento della squadra viola e nello specifico di Cesare Prandelli, queste le...

Per la Lega Calcio Lazio-Torino si deve giocare, ma i granata non si presentano, sarà 3-0 a tavolino

Lazio-Torino finirà per essere l'esatta ripetizione di Juventus-Napoli dello scorso ottobre: secondo quanto da noi raccolto, la Lega Serie A ha fatto sapere che...

CALENDARIO