27 Novembre 2021 · 02:26
9.8 C
Firenze

Da Roma, il 16 aprile agente di Vlahovic a Trigoria. Avrebbe detto no al rinnovo viola

Il sito vicino alle vicende della Roma, Il romanista, ha parlato con orario, giorno e dettaglio dell'incontro tra l'agente di Vlahovic e la società giallorossa

Questo quello che scrive Il Romanista, per quanto riguarda Dusan Vlahovic e la Roma:

“Giorno: venerdì. Data: sedici aprile. Luogo: Trigoria. Dove al cancello principale si sono presentati un procuratore e un suo socio (ex giocatore). Hanno un appuntamento con Tiago Pinto. Per parlare, of course, di calciatori. In particolare sudamericani. Più un serbo. Ovvero Dusan Vlahovic. Non è la prima volta che le parti si incontrano. I rapporti sono buoni, c’è reciproca simpatia, ci sono interesse e voglia di provare, insieme, a fare qualcosa di positivo per la Roma del futuro. Cioè il serbo, visto che il procuratore italiano può vantare rapporti di amicizia ma soprattutto di collaborazione con il procuratore del centravanti viola, Darko Kristic.

Vlahovic è un giocatore che piace moltissimo a Tiago Pinto. Il dirigente portoghese lo considera un prospetto già affermato e destinato a diventare un crack a livello internazionale. E’ il serbo, insomma, la punta al primo posto delle preferenze giallorosse per il futuro. Lo sa anche il procuratore, così come la Roma sa che Vlahovic è molto, ma molto lusingato dall’interesse del club giallorosso.

Nonostante le offerte di Commisso, Vlahovic ha deciso di non prolungare il contratto con la Fiorentina che andrà in scadenza il trenta giugno del 2023. Di fatto si è messo sul mercato al motto chi offre di più, pronto anche, almeno così dice Kristic, ad arrivare alla scadenza naturale del contratto. Del resto è un duemila, dopo avrebbe tutto il tempo per recuperare il cash che potrebbe perdere in questi due anni (a Firenze guadagna settecentomila euro netti a stagione).

Ci sarebbero i presupposti per arrivare a un accordo con il giocatore. Ma ci sono, come ti sbagli, due questioni da risolvere. Una è il tempo, la seconda ovviamente il cash. Per la prima, a Tiago Pinto è stato fatto presente che ci sono, oltre al Milan, almeno tre club stranieri molto interessati al serbo (uno è il Borussia Dortmund soprattutto se dovesse vendere Haaland). Il pressing di questi club rischia di dimezzare i tempi di una trattativa che comunque non sarebbe a prescindere facile. Vlahovic è disposto ad attendere qualche settimana, dopo sarebbe costretto a prendere in considerazione tutte le altre offerte.

Pinto lo sa, ma sa pure che sta trovando più di una difficoltà, complice il calcio della pandemia, a cedere quegli esuberi che dovrebbero finanziare l’acquisto del cartellino di Vlahovic. In sostanza deve prima vendere per poi potersi presentare dalla Fiorentina con il cash necessario per l’acquisto di un giocatore per il quale club viola è arrivato a chiedere una cinquantina di milioni (senza contropartite di giocatori). Non sarà facile, insomma, anche se ci sono tutte le intenzioni per provare a portare il serbo dalle parti di Trigoria.”

SUPERLEGA, COMMISSO NON CI STA. LE SUE PAROLE

Commisso: “No alla Superlega. Inter, Milan e Juventus senza rispetto, contro regole e tifosi”

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO