23 Ottobre 2021 · 01:36
13.7 C
Firenze

Contratto racconta Maradona: “Alla Fiorentina lo marcavo io, mi disse che ero tra i più forti”

Le sfide della Fiorentina contro Diego Armando Maradona raccontate da Contratto, il giocatore viola che lo marcava stretto

Renzo Contratto combatte con Diego Maradona in un Fiorentina-Napoli

Il difensore degli anni 80 della Fiorentina, Renzo Contratto, ha parlato in esclusiva a Tuttomercatoweb, queste le sue parole sui duelli con Maradona quando si scontravano Napoli e Fiorentina ma non solo:

“I ‘duelli sono sempre stati corretti. Diego era il migliore di tutti e a volte in campo veniva maltrattato. Mai una volta però che abbia sentito delle lamentele da parte sua o delle proteste. Io ho avuto un rapporto speciale con lui perchè c’era rispetto e stima. E il ricordo è straordinario: non lo conoscevo benissimo ma attraverso i suoi compagni ho sempre capito che si faceva voler bene, tutti lo amavano. Ci ha lasciato il più grande di sempre, per distacco”.

Quale partita in particolare ricorda tra quelle in cui ha dovuto marcare Diego?
“La prima: lui giocava ancora nel Barcellona e a Firenze giocammo questa partita. Dopo la gara Diego si congratulò con me. Arrivava dal mondiale in Spagna in cui Gentile lo aveva marcato senza dargli scampo e c’erano state polemiche su quella marcatura così rigida. E allora dopo la partita venne da me e mi diede maglia: Mi disse: sei uno dei più forti”.

In campionato?
“In campionato purtroppo a Firenze un paio di volte mi ha castigato. Mi ricordo in particolare una vittoria del Napoli nell’85 a Firenze con la neve ai bordi del campo. Un suo diagonale di sinistro e gol…”.

Come si marcava?
“Non si marcava, dovevi coprirlo metterlo in una zona d’ombra perchè in qualunque situazione ricevesse palla ti poteva poi sorprendere e lasciar fermo. Potevi anche raddoppiarlo ma aveva comunque la capacità di inventarsi qualcosa. Ripeto, dovevi cercare di coprirlo e fare in modo soprattutto che non gli arrivasse la palla”

Che cosa si ricorda poi di lui?
“A Napoli giocammo nell’87 l’ultima di campionato che decretò lo scudetto per i partenopei. Finì 1-1 e dopo la gara lo abbracciai e gli dissi: è il tuo scudetto. Con lui ho sempre scambiato la maglia. Le conservo tutte e me le tengo ben strette”

LEGGI ANCHE, LA STORIA DI MONTIEL, PAGATO TANTO PER STRAPPARLO AL REAL MADRID, COMMISSO LO HA CHIAMATO AL FISCHIO FINALE

La storia di Montiel, pagato tanto per rubarlo al Real Madrid. Commisso lo ha chiamato al fischio finale

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO