Aumentano le voci intorno all’ambiente viola che raccontano di una possibile rivoluzione in tema di poteri e di ruoli che verrà ratificata il prossimo 16 Giugno, data del nuovo Cda della Fiorentina.

In particolare i Della Valle vorrebbero affidare maggiori poteri in primis a Giancarlo Antognoni, ma anche a Gino Salica. Il primo entrerebbe molto più nelle questioni tecniche, mentre il secondo in quelle amministrative-gestionali.

Resta da capire come si esplicheranno questi cambiamenti nella pratica societaria. In particolare si fanno 2 ipotesi: la prima che prevederebbe direttamente la nomina di Salica a presidente e di Giancarlo Antognoni a vicepresidente della Fiorentina, in un iter graduale che vedrà l’unico 10 di Firenze e dei tifosi viola prima o poi andare a ricoprire quel ruolo di presidente che quasi per diritto naturale gli spetta, la seconda invece che vedrebbe la conferma di Cognigni (uomo di fiducia da sempre di Diego in ogni dove) come presidente a livello formale, con l’ultima parola ovviamente in fatto di conti, ma che lascerebbe comunque a Salica ed Antognoni maggiori poteri in ambito gestionale per quanto riguarda il primo ed in ambito tecnico (rapporti con squadra) per il secondo.

Staremo a vedere se queste indiscrezioni saranno confermate dalla realtà dei fatti, visto che mancano soltanto pochi giorni al nuovo Cda della Fiorentina. Di certo un potenziamento nei ruoli e, soprattutto, nei compiti di Salica ed Antognoni rappresenterebbe un passo importante dei Della Valle verso i desideri della piazza gigliata.

Giancarlo Sali

Comments

comments