24 Gennaio 2021 · 06:46
9.8 C
Firenze

Caso Astori, ecco perchè sono indagati i due medici. Davide poteva essere salvato. Gli esami…

La tragedia di Davide Astori si arricchisce di un altro inquietante capitolo. Ieri la Procura di Firenze ha emesso due avvisi di garanzia nei riguardi di due medici che risultano indagati per il reato di omicidio colposo. Si tratta di due professionisti che lavorano in strutture ospedaliere incaricate di certificare l’idoneità sportiva degli atleti. E che hanno dato il via libera all’attività agonistica di Astori quando era tesserato per il Cagliari e per la Fiorentina.

Uno di loro è il Professor Giorgio Galanti, direttore della clinica universitaria di Careggi, storico responsabile dello staff medico della Fiorentina, oggi consulente scientifico del reparto sanitario del club viola con attività riguardanti nutrizione, ricerca e convegni: è lui che ha firmato i due referti medici pubblicati ieri da La Nazione. E non è escluso che chiedano, a loro volta, un’ulteriore perizia.

Come si è arrivati a questi due avvisi di garanzia?

La Procura di Firenze ha tratto indicazioni importanti dalla consulenza affidata al professor Domenico Corrado dell’Università di Padova, un luminare in materia. Capire se la malattia che ha portato a questa tragedia, una cardiomiopatia aritmogena del ventricolo destro che ha causato lafibrillazione che ha provocato l’arresto del cuore di Davide, poteva essere diagnosticata prima che producesse i suoi effetti mortali.

Il professor Corrado ha ripercorso la storia clinica del capitano nelle sue esperienze calcistiche a Cagliari, Roma e Firenze. Raccogliendo gli esiti dei vari elettrocardiogrammi sotto sforzo ai quali il giocatore si è sottoposto per avere l’idoneità. Poi, ha illustrato ai magistrati le sue conclusioni.

Nella perizia si pone grande attenzione su alcuni test sotto sforzo che avrebbero evidenziato qualche anomalia. Sia quando giocava nel Cagliari, sia nei due anni in viola.

Nei test sotto sforzo effettuati al Centro di Medicina dello Sport di Careggi a Firenze emergono, nell’esame del 2016, la presenza di extrasistole ventricolari e nel test del 2017 risulterebbe anche un’extrasistolia a due morfologie. Campanelli d’allarme sulle condizioni del cuore che, forse, avrebbero dovuto essere valutati di più. Suggerendo, magari, l’ipotesi di sottoporre Davide a ulteriori esami.

Il giocatore era stato avvertito di questo scenario clinico? E lo staff medico della Fiorentina?

Domande, per il momento, senza risposta, i magistrati ieri hanno raccolto ulteriore materiale nelle strutture ospedaliere nelle quali Astori si era sottoposto agli esami necessari per ottenere l’idoneità sportiva. L’ipotesi che la tragedia potesse essere evitata rende questo momento terribile per tutti.

Gazzetta dello Sport

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

Vlahovic questa sera ha battuto il suo record di reti siglate in Serie A: 7 gol in campionato

Con il gol del 2-1 siglato questa sera contro il Crotone al 32' , Dusan Vlahovic ha battuto il suo record personale di reti...

Castrovilli: “Rendo meglio da mezzala. Qui siamo tutti leader. Ascolto i compagni che hanno esperienza”

Gaetano Castrovilli, centrocampista della Fiorentina, commenta così a Sky Sport il match vinto oggi contro il Crotone: "Il pallonetto? Ho visto il portiere fuori,...

CALENDARIO