Giovanni Simeone ha parlato ai media presenti, direttamente dall’evento “Trofeo Maestrelli” a Montecatini: “E’ una cosa molto bella essere premiato quest’oggi. L’eliminazione dell’Atletico?  Nulla da dire, che sia passata la Juve penso sia meritato, sono molto forti, hanno segnato tre reti a una delle migliori difese d’Europa, quindi è giusto che siano passati loro. Europa dal campionato o dalla coppa? Penso a domenica e al Torino intanto, pensiamo partita dopo partita, quando arriverà quella con l’Atalanta penseremo a quella. La squadra? Sono situazioni normali, ci sta che per un periodo le cose non vadano per il verso giusto. Il nostro obiettivo è l’Europa League ma siamo consapevoli non sia facile raggiungerla. Mancano ancora due mesi e possono succedere tante cose. Dobbiamo pensare partita per partita e lottare fino alla fine. Siamo giovani e lotteremo fino in fondo. Sul mister? Ce lo teniamo stretto, credo che il mister conosca molto bene il rapporto che c’è tra noi e lui. Sconfitta di Cagliari? Ci rialziamo, la sosta ci serve per recuperare le energie e ripartire. Siamo tranquilli e non pensare alla Coppa. Pensiamo a crescere come squadra. Sulla scomparsa di Davide e cosa ha insegnato? Credo che ognuno debba imparare da ciò che è accaduto, io ho capito che la vita è una e devi farti valere. Io ho imparato tantissimo da ciò che mi ha fatto vedere Davide nel tempo trascorso”.

Tuttomercatoweb.com