ROMA – Otto su otto e Olimpico sbancato due volte in meno di un mese. Il Napoli è inarrestabile e vince 1-0 a Roma grazie a una rete al 20′ di Insigne, al primo sigillo in carriera contro i giallorossi. La squadra di Sarri raggiunge quota 24 punti, resta in vetta alla classifica e va a +5 sulle seconde, aspettando di conoscere il risultato dell’Inter nel derby di Milano. La Roma incassa la sua seconda sconfitta stagionale dopo quella con l’Inter, di nuovo in casa, di nuovo contro una diretta concorrente per le prime posizioni. Le note positive, per Di Francesco, arrivano soltanto nella ripresa: si vedono poche trame di gioco, ma molta più grinta e soltanto una gran parata di Reina su colpo di testa di Fazio nega il pari alla squa squadra.

TANTO NAPOLI – Nei primi 20 minuti le squadre si alternano nel possesso palla. Mertens ci prova due volte, ma senza troppe pretese. La Roma prova a imporre il suo gioco allungando il Napoli con un possesso palla difensivo. Il risultato, però, non è dei migliori, perché la squadra di Sarri resta corta e non rischia nulla.

INSIGNE FA 100 – I piccoletti lì davanti cominciano a scaldarsi: Mertens impegna Alisson sul primo palo dopo uno scambio con Insigne. Al 20′ ecco il vantaggio azzurro, nato sempre da uno scambio tra i due, ma con la partecipazione di De Rossi, che di fatto serve Insigne in area di rigore: tiro immediato sul primo palo e Alisson non ha neanche il tempo di reagire. Per Lorenzinho è il primo gol alla Roma, il 100° da professionista e la rete numero 200 del Napoli targato Sarri.

POCA ROMA – La Roma accusa il colpo e soffre tremendamente il possesso palla del Napoli, che gestisce il vantaggio. Ci prova Dzeko con un colpo di testa su cross di Bruno Peres, ma senza precisione. Per il resto è un monologo sarriano, con altri tre tentativi: due colpi di testa (Mertens e Hamsik, para Alisson) e un tiro di Insigne respinto in corner dalla difesa.

MENO NAPOLI – Il Napoli comincia bene pure la ripresa, ma non riesce a chiudere la partita. Sprazzi di Roma si cominiciano a vedere dal 50′ in poi, quando prima Dzeko e poi Kolarov ci provano con tiri dalla distanza. Al 57′ Mertens ruba palla a Manolas (che si infortuna), ma spreca da pochi metri una clamorosa occasione per il 2-0. Poi è Hamsik a impegnare Alisson con un tiro centrale.

SUPER REINA – Entra quindi Fazio (per Manolas) e l’argentino è il protagonista del primo tiro in porta della Roma al 69′: sul colpo di testa dell’argentino, però, Reina si supera con un gran riflesso e spinge il pallone sul palo. Sarri ne cambia tre: escono Hamsik, Jorginho e Callejon, entrano Zielinski, Diawara e Rog. Di Francesco inserisce Under per Florenzi, poi Gerson per Pellegrini, anche lui ko. Il Napoli rintana, la Roma prende campo e coraggio, ma dietro c’è un Koulibaly in condizioni strepitose.

TRAVERSA DZEKO – Dzeko svetta sugli sviluppo di un corner, ma colpisce la parte alta della traversa (84′). Piovono palloni in area di Reina, che spaventano la difesa azzurra. Fazio va a fare il centravanti e crea spazi. L’ultimo buono è al 95′ per Under, su cross di Kolarov: sinistro debole, Reina para e il Napoli passa all’Olimpico. E’ mini-fuga, aspettando il derby di Milano.

 

Corriere dello Sport

 

Comments

comments