Rizzoli risponde ad Antognoni: “Tagliavento non ha mancato di rispetto a nessuno. Ha considerato quell’episodio non grave”

"Nel regolamento è spiegato il fatto che un episodio può anche essere non visto" così il designatore Rizzoli alla Gazzetta dello Sport

0
159

Il designatore degli arbitri, Nicola Rizzoli ha tracciato un bilancio della prima giornata vissuta con il VAR in campo. Qualche polemica c’è stata a San Siro, dove Tagliavento non ha controllato di persona il video del fallo commesso da Miranda su Simeone che non è stato sanzionato: “Il controllo va fatto, ma dovrà diventare silente. A Milano è passato troppo tempo e a quel punto per trasparenza era giusto renderlo pubblico…Sicuramente Paolo avrebbe potuto anche andare al monitor, ma non sarebbe cambiato il risultato: quel contatto può essere interpretato in modo soggettivo e quindi non è un episodio chiaro, condizione essenziale per il ricorso alla tecnologia. Ma agli occhi degli spettatori il fatto che l’arbitro in campo vada a controllare il replay è più rassicurante. Perché è lui che decide, non il Var”.

Da Rizzoli arriva anche una risposta al club manager della Fiorentina, Giancarlo Antognoni, che ha parlato di “mancanza di rispetto” nei confronti dei viola: “Questo è un termine che non posso accettare: nessuno manca o ha mancato di rispetto. Come ho spiegato, Tagliavento poteva anche non rivedere il replay perché aveva ritenuto non punibile il contatto. E il Var ha valutato non fosse un chiaro errore. È tutto previsto dal protocollo, sul discorso che possa essere opportuno rivederlo in certe situazioni ne parleremo e faremo tesoro delle esperienze. Siamo all’inizio e qualche sbavatura potrà pure esserci. Quello che da parte nostra non ci sarà mai è proprio la mancanza di rispetto”.

La Gazzetta dello Sport

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.