Gil Dias all’improvviso. Dalle indiscrezioni portoghesi, alla necessità di chiudere. Alla Fiorentina sono stati accostati troppi nomi improbabili, stranieri su stranieri, alcuni mai trattati. Gil Dias era entrato nei radar viola quindici giorni fa: buone relazioni, esterno offensivo giovane con il fiuto del gol (a segno anche nel precampionato con il Monaco), il famoso prestito biennale che la Fiorentina aveva organizzato per Jesè.

Fino a cinque giorni fa l’esterno offensivo del Psg sembrava convinto, l’accordo tra i club era totale e anche sul pagamento del l’ingaggio ci sarebbe stato una sostanziosa partecipazione della società proprietaria del cartellino. Poi Jesè ha preferito andare allo Stoke City, spiegando alla Fiorentina come ritenga il campionato inglese più adatto alle sue caratteristiche. E così i viola hanno affondato per Gil Dias che è giovane (classe ’96), margini di miglioramento e qualità importanti già oggi. Con tanti saluti ai mille nomi fatti nell’ultimo mese, stranieri e italiani, senza troppo fondamento… Gil Dias sì, come i vari Vitor Hugo, Gaspar, Veretout ed Eysseric: presto in arrivo sugli schermi viola. Aspettando Simeone e la fine della telenovela Kalinic…

Alfredopedullà.com

Comments

comments