21 Febbraio 2024 · Ultimo aggiornamento: 16:23

Labaro viola: il mondo viola minuto per minuto
PNRR, Nardella: “I soldi ci sono ma preoccupano i ritardi per il rincaro sulle materie prime”
Rassegna Stampa

PNRR, Nardella: “I soldi ci sono ma preoccupano i ritardi per il rincaro sulle materie prime”

Redazione

15 Aprile · 09:31

Aggiornamento: 15 Aprile 2022 · 09:31

Condividi:

franchi

Sul fronte del Pnrr e del caro energia il sindaco Nardella non molla la presa sul governo Draghi. A cominciare dal tema della semplificazione delle procedure legate al Pnrr e sull’adeguamento degli appalti alla brusca impennata dell’inflazione. «Stiamo accumulando – ha spiegato ieri – preoccupanti ritardi legati all’aumento dei prezzi delle materie prime perché molte ditte sono in allarme, stanno valutando se fermarsi, e questo genera molta incertezza per tutti i progetti e tutte le opere pubbliche finanziate con il Pnrr. Il paradosso è che avremmo pronti i soldi, la Commissione europea ha staccato il primo assegno da 21 miliardi, però a causa del costo dell’energia e dell’aumento delle materie prime le ditte del settore sono ferme e minacciano di non partecipare ai bandi».

Così il sindaco chiama in causa il governo Draghi: «Stiamo entrando in una preoccupante congiuntura dalla quale dobbiamo uscire attraverso un intervento del governo che consenta agli enti pubblici che predispongono gli appalti di adeguare i costi legati alle materie prime». L’idea di intervenire solo una volta ultimata un’opera «non basta – insiste Nardella – perché le ditte rischiano di entrare in crisi di liquidità dovendo sobbarcarsi il rincaro. Si tratta di adeguare in modo tempestivo i parametri dei bandi al costo delle materie prime, cosa che oggi non si può fare».

Ma la preoccupazione è alta anche sul fronte della semplificazione delle procedure e, secondo il sindaco, è prioritario intervenire sulle conferenze dei servizi: «Vanno sempre oltre i termini previsti- evidenzia – dal momento che vengono sospese, per la preoccupazione di un veto di uno degli attori si rivedono i progetti. Bisogna introdurre dei meccanismi per cui le conferenze abbiano un termine perentorio che sia invalicabile».E sempre al governo Nardella, chiede di alzare dagli attuali 250 milioni a un miliardo il fondo destinato agli enti locali per contrastare il caro energia. «Nell’incontro che ho avuto col ministro dell’Economia Franco – racconta – ho fatto presente che è necessario aumentare il fondo energia per i Comuni, per fare un esempio a Firenze arriva un milione e non basta visti i 13 milioni che al momento prevediamo e che in caso di congiuntura ancora più negativa potrebbero salire a 40. Abbiamo anche suggerito che una delle misure possibili è agire sul fondo di accantonamento dei crediti di dubbia esigibilità, i Comuni ora devono accantonare il 100% delle risorse per coprire i crediti. Basterebbe ridurlo riportandolo al 90%. Le soluzioni tecniche, ci sono». Lo scrive La Nazione.

LEGGI ANCHE, DI MARZIO ANNUNCIA: “PRIMI CONTATTI DELLA FIORENTINA PER PRENDERE VICARIO, EMPOLI VALUTA RISCATTO”

Di Marzio annuncia: “Primi contatti della Fiorentina per prendere Vicario, Empoli valuta riscatto”

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Testata giornalistica | Autorizzazione Tribunale di Firenze n.6004 del 03/11/2015
Edimedia editore | Proprietario: Flavio Ognissanti | P. IVA: IT04217880717

© Copyright 2020 - 2024 | Designed and developed by Kobold Studio