29 Gennaio 2022 · 14:59
12.2 C
Firenze

Pezzella: “La Fiorentina mi ha fatto sentire a casa. Batistuta? Un onore partecipare alla sua festa..”

Il capitano della Fiorentina, German Pezzella, ha parlato dell’attualità, del suo futuro e della situazione che sta vivendo. Queste le sue dichiarazioni: “Siamo stati esposti a viaggi, hotel, treni… Credo di essere stato infettato nel club: abbiamo avuto 3 giocatori positivi, oltre a componenti dello staff medico e del personale di marketing. La mia ragazza non era in Italia, e quando voleva tornare il Paese era chiuso ed è partita per l’Argentina, ma almeno sono tranquillo perché so di non averla contagiata. Prima di tornare alle attività dovremo fare nuovi esami. Sono stato in grado di iniziare ad allenarmi più di 20 giorni fa e adesso la situazione sta migliorando, ma ripetono di non abbassare la guardia. Dobbiamo rimanere in casa per quasi 40 giorni, la quarantena è stata stabilita fino al 3 maggio, poi si vedrà”.

Sul River Plate: “Io ho fatto 70 partite con quella maglia. Ciò che uno prova, lo sente da quando era bambino. Mi reputo fortunato ad aver vissuto la prima parte di una buona base iniziata con Ramon Diaz. Con Gallardo mi sono divertito molto… Sogno di poter tornare un giorno”.

Sulla Fiorentina: “Mi hanno accolto in maniera spettacolare perché qua se dici di essere argentino fanno così: Batistuta per loro è tutto. Lo scorso anno sono stato fortunato a partecipare alla festa del suo compleanno a Firenze e tutta la città era lì a festeggiarlo. Dopo 8-9 mesi alla Fiorentina, con la morte di Astori e tanti cambi in rosa, la fascia di capitano prima venne data a Badelj che poi si infortunò e successivamente venne data a me. Devo molto a questo club, mi sono sentito a casa sin da quando sono arrivato nonostante le difficoltà con la nuova lingua. La Fiorentina poco dopo il mio arrivo a Firenze mi ha nominato capitano, sono orgoglioso di questo”.

Sulla Nazionale: “Sarà un vero peccato se i turni di qualificazione non si giocheranno quest’anno. Il 2021 sarà un anno difficile perché è pieno di impegni. Dovranno studiarlo bene a causa delle tante partite. Speriamo che Dio voglia che Leo Messi vinca anche con l’Argentina. Speravamo di poter vincere questa Copa America che è stata sospesa. Contribuire a questa vittoria sarebbe spettacolare”.

TuttoMercatoWeb.com

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO