È indubbiamente l’allenatore del momento, la sua matricola Spal in serie B sta a grande sorpresa, dominando il campionato a suon di vittorie e grandi prestazioni in casa e in trasferta. Fiorentino di nascita e grande tifoso viola Leonardo Semplici classe 1967, è stato allenatore delle giovanili della Fiorentina dal 2011 fino al 2014 dove poi è passato in serie C proprio alla Spal dove ha conquistato una promozione lo scorso anno.

Tra i tanti nomi che si fanno per la panchina viola per il dopo Paulo Sousa c’è anche il suo, quel Leonardo Semplici che qualcuno paragona già a Maurizio Sarri e che qualcuno vorrebbe senza alcun dubbio di ritorno a Firenze come allenatore della prima squadra.

Ma il suo sarebbe un grande azzardo, allenare uno spogliatoio di giocatori affermati e con ricchi conti in banca è cosa assai complicata, come quella di allenare per la prima in serie A in una piazza calda e molto particolare come quella di Firenze. Insomma, Semplici è bravo e sta facendo un miracolo sportivo in quel di Ferrara ma occhio a bruciarlo.

In caso di promozione diretta della sua squadra Semplici rimarrebbe ad allenare la squadra biancoblu anche in serie A e questa sarebbe la più bella notizia per la Fiorentina. Un allenatore tifoso viola, che non vede l’ora di allenare la squadra viola che fa esperienza nel massimo campionato con una matricola, dove avrà il tempo di sbagliare e senza alcuna pressione.

Semplici ha già fatto sapere di essere molto interessato alla panchina viola e che questo rappresenta il suo sogno più grande. Un matrimonio che prima o poi si farà.

Semplici come Bernardeschi e Vecino. Questa è la ricetta migliore per il tecnico toscano, far crescere con calma il tecnico per poi prenderlo al momento giusto. Non prima ma nemmeno troppo tardi. Semplici è un vincente e adesso se ne sta accorgendo tutti. Ma Firenze non deve bruciarlo…

 

Flavio Ognissanti

Comments

comments