È ancora tutto in salita. La storia del nuovo stadio di Firenze è ancora in gran
parte da fare. E’ vero che il Comune sta affrettando i tempi per mettere in vendita l’area attualmente occupata dalla Mercafir nella zona nord della città, è vero che il presidente Commisso ha dato mandato al proprio staff di verificarne la possibilità ad ospitare la nuova struttura con annesse le aree di
interesse economico, ma al di là delle dichiarazioni di disponibilità sono importanti gli ostacoli sulla strada. E all’orizzonte si profila un possibile braccio di ferro per l’acquisto dell’area.

Commisso solo pochi giorni fa era stato chiarissimo. L’eventuale realizzazione del nuovo stadio a Novoli porterebbe il quartiere a un notevole incremento economico di valorizzazione. Si tratterebbe di un’opera in grado di produrre investimenti e lavoro. Un’operazione da 500 milioni di euro.
E chiede rapidità di intervento, facilitazioni, attenzione alla richiesta economica che vorrebbe contenutissima. La risposta del sindaco Nardella è stata altrettanto decisa: “Il prezzo dell’area interessata non sarà fatto da chi è interessato all’acquisto e non dal sindaco, ci sarà una commissione ad hoc, tutto dovrà rientrare nei termini di legge”. Ma stando alle cifre che stanno girando, sembrerebbe che le parti siano molto distanti. Fino a trenta-quaranta milioni di euro, forse anche di più. A riportarlo è il Corriere dello sport.