di Stefano Borgi.

LAFONT: 5  Due gol presi sotto le gambe sono una pietra tombale per un portiere. Colpevole.

MILENKOVIC: 6  Il migliore (o meno peggio, fate voi…) della difesa. Concreto.

CECCHERINI: 5  Problemi su Zapata, Gomez gli scappa sul gol dell’1-0, insomma… fa quello che può. Purtroppo è un pò poco… (dal 78′ LAURINI): 6

VITOR HUGO: 4,5  Ilicic ha un altro passo, un altro piede, un altro… tutto. Il brasiliano non lo vede mai, sopratutto non lo prende mai. Asfaltato.

DABO: 5,5  Diciamo che non è colpa sua. Almeno non tutta… A volte il colored fa quasi tenerezza, il pubblico se ne accorge e lo sostiene. Fuori ruolo.  (dal 75′ SIMEONE): Da il via a Chiesa per il 3-3. Utile.

BENASSI: 6,5  Il solito Benassi, sparisce per larghi tratti della partita, poi riappare, realizza il decimo gol stagionale tiene viva la qualificazione. Goleador.

GERSON: 5  Davanti non propone, dietro non copre. Altra prova negativa. Sostituito. (Dal 51′ EDIMILSON): 6  Buono l’impatto sulla partita dello svizzero. Fa il suo.

VERETOUT: 7  Tanto cuore e tanti, tantissimi palloni recuperati. Lui non delude mai. Duracell.

BIRAGHI: 5,5  Qualche palla nel mezzo, senza costrutto. Il violazzurro è stanco, solo Pioli sembra non accorgersene. In riserva.

CHIESA: 8  Riaccende la speranza con una fuga delle sue. Poi due lampi nella ripresa che lo proclamano migliore in campo. Commovente.

MURIEL: 7  Innesca il 2-2 di Benassi e timbra il 3-3 della speranza. Decisivo.

STEFANO PIOLI: 5  La marcatura di Vitor Hugo su Ilicic entra di diritto nel museo degli orrori. La posizione di Dabo, invece, non merita neppure commento.  Lo salvano il cuore della squadra e… Chiesa. Pauroso.