Queste le parole rilasciate da Corrado Orrico a TMW:

La situazione della Fiorentina?
“Montella è un ottimo allenatore, poi le situazioni cambiano. Perchè è andata meglio la squadra? Lo shock del cambio d’allenatore vale per tutti, solo per il Torino non ha dato frutti. La mia opinione è che la Fiorentina abbia giocatori da medio-bassa classifica. Chiesa? Trovo intelligente la mossa di averlo messo in attacco, quello di seconda punta è il suo ruolo, Iachini gli ha tolto quei 40 metri di campo. Lui anche se è anche a trequarti campo parte sempre verso la porta ed è giusto quindi averlo avvicinato. Portato laggiù a fare il lavoro dei boscaioli non mi piaceva”.

Che pensa di Commisso?
“Non mi convince, ma ne apprezzo l’entusiasmo. I risultati per ora sono quelli che sono: il tempo nel calcio non c’è. Per dirla in modo disinvolto: sarà più bravo quando la sua origine italiana prevarrà su quella americana. E’ un italiano e ha avuto successo in America per la sua italianità: l’America dà opportunità alla gente e spazio alla fantasia ma ora rientrando in Italia deve ritrovare la sua italianità, la praticità e i capitali. Ci vogliono i soldi per vincere nel nostro campionato. Commisso si è anche fatto sentire con gli arbitri che però quando c’è da difendersi fanno blocco. Deve stare attento Commisso perchè bisogna sapere anche incassare. Di fronte a dei torti non si può reagire alzando la voce perchè poi dopo due domeniche rischi che ti possa arrivare un’altra legnata. Non li spaventi gli arbitri perchè sono solidali, sono una consorteria”.

Tuttomercatoweb.com