21 Luglio 2024 · Ultimo aggiornamento: 09:14

Labaro viola: il mondo viola minuto per minuto
Michele Serena: “L’Olympiacos gioca in casa, l’Atalanta insegna qual’è l’approccio giusto”
News

Michele Serena: “L’Olympiacos gioca in casa, l’Atalanta insegna qual’è l’approccio giusto”

Redazione

27 Maggio · 23:55

Aggiornamento: 27 Maggio 2024 · 23:55

Condividi:

L'ex difensore della Fiorentina ha analizzato lo stato di forma degli uomini di Italiano alla vigilia della finale di Conference League

Il countdown è già iniziato e a Firenze sale la febbre per la finale di Conference League in programma mercoledì sera. La squadra di Italiano dovrà affrontare ad Atene l’Olympiacos, per i 90 minuti più importanti di tutta la stagione. Il mister vuole chiudere la sua esperienza viola con un trofeo e per farlo servirà la partita perfetta. Dopo aver sfiorato la Coppa un anno fa, adesso i toscani non possono assolutamente sbagliare. Per commentare la finale di Conference che attende la Fiorentina, Michele Serena, ex difensore viola, che ha militato a Firenze per 3 stagioni, è intervenuto in esclusiva a tag24.it

È passato qualche giorno dall’ultima giornata di campionato, ma come hai visto la Fiorentina contro il Cagliari?

Li ho visti molto bene dal punto di vista fisico, ed è stata una sorta di preparazione rispetto alla gara che conta di più e che è in programma mercoledì sera. Era giusto così perché, affrontando le gare seriamente, ci si prepara meglio in vista di una finale”.

Lo scorso anno la Fiorentina ne ha fatte due di finali, senza riuscire a vincere neanche un trofeo. Ora con l’Olympiakos si giocherà il tutto per tutto, ti aspetti che l’esperienza abbia insegnato qualcosa alla Viola?

Lo spero, e soprattutto mi aspetto un tipo di approccio differente rispetto all’anno scorso. Credo che vedremo meno nervosismo, perché adesso sanno a cosa andranno incontro e non è più una novità. Mi auguro che possa anche finire in maniera diversa rispetto alla finale contro il West Ham. Ci saranno però delle problematiche, soprattutto dal punto di vista ambientale”.

Pensi che l’Olympiacos sia favorita, visto che si giocherà ad Atene?

Non credo che sia favorita, ma è innegabile che giocheranno praticamente in casa. Sicuramente ci sarà più tifo a favore loro, piuttosto che per la viola, ma banalmente è anche una questione logistica. Penso però che, alla lunga, siano molto più importanti i valori tecnici che ogni squadra metterà in campo”.

Da parte di Italiano ti aspetti qualche sorpresa?

Non più di tanto. Credo che abbia avuto modo di monitorare al massimo la squadra e metterà in campo la formazione migliore, e sceglierà chi gli offrirà più garanzie sia a livello fisico che mentale. Ogni dettaglio conterà molto e non mi aspetto nessun tipo di stravolgimento”.

Italiano ha già salutato il club, e ha già annunciato che andrà via. Questo può dare alla squadra una motivazione in più?

Che Italiano andrà via ormai lo sappiamo da almeno un paio di mesi e nonostante questo la Fiorentina si è giocata ogni partita al massimo. Non credo che questo inciderà particolarmente, anzi, dal punto di vista delle motivazioni potrebbe far dare a questa squadra qualcosa in più. L’allenatore vorrà salutare alzando al cielo un trofeo. Spero vivamente che riescano a farlo”.

Se la Fiorentina dovesse vincere la Conference, lascerebbe il posto al Torino e per l’Italia sarebbe un’annata straordinaria. La viola ci pensa?

Penso che siano discorsi che la Fiorentina non farà mai in questi giorni. Giustamente devono essere orientati e concentrati soltanto verso la Coppa, tutto il resto non fa la differenza. Bisogna imparare dall’Atalanta, che anche ieri, dopo aver vinto l’Europa League, si è giocata la partita al massimo”.

Italiano quindi è pronto a salutare, ma chi ti piacerebbe al suo posto?

Sinceramente non lo so, di nomi se ne fanno tanti. Mi piacerebbe sicuramente che la Fiorentina potesse scegliere un italiano, non di nome ma di fatto. Siamo invasi di stranieri, anche a livello di panchina, in Serie A. Nulla togliere a loro, ma qui abbiamo un’ottima scuola, da cui vengono fuori costantemente molti allenatori bravi. Palladino è un profilo che ha già salutato Monza e credo che abbia già in mano qualcosa. Potrebbe assolutamente essere un indiziato”.

 

Dazn ripartirà senza Borghi e Cattaneo. Incedibili Diletta Leotta e Pierluigi Pardo

Dazn ripartirà senza Borghi e Cattaneo. Incedibili Diletta Leotta e Pierluigi Pardo

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Testata giornalistica | Autorizzazione Tribunale di Firenze n.6004 del 03/11/2015
Edimedia editore | Proprietario: Flavio Ognissanti | P. IVA: IT04217880717

© Copyright 2020 - 2024 | Designed and developed by Kobold Studio