MARTINA, LASCIA PERDERE… IL PENSIERO DI DARIO “GHEBBE”

La compagna del nostro capitano è piuttosto agitata...

0
3158

Stamani casualmente mi sono imbattutto in un commento Facebook della meravigliosa Martina, la compagna di Gonzalo Rodriguez. Non la conosco assolutamente e non mi permetterò assolutamente di giudicarla. Questo ci tengo a premetterlo.

Recentemente l’ho potuta apprezzare in un video, dove fa sfoggio della sua splendida voce. Assieme a Gonzalo e al loro primogenito confezionarono un bellissimo omaggio a Leonard Cohen, intonando un meraviglioso “Hallelujah”. Non so altro.

Purtroppo la “bagarre mediatica” che sta avvolgendo lei ma soprattutto il capitano della Fiorentina non dev’essere proprio un granché. E posso benissimo capire che una ragazza innamorata del proprio uomo si senta in dovere di difenderlo.

Però Facebook non è il luogo giusto per dare spiegazioni.

In quel che ho letto (un commento di qualche riga, niente di assurdo o di grave eh, per carità) pare avercela un po’ con tutti…

Prima con i tifosi, rei di pensare cose del tipo: “se va via lui verrà un altro”.
Poi con la società: “mi garberebbe vedere voi, se dopo 5 anni di lavoro, qualsiasi lavoro fatto bene, vi abbassassero del 25% lo stipendio dicendovi che state invecchiando, cosa fareste… Si parla di rispetto” […]
Poi in generale: “incredibile come le persone si dimentichino di quello che hanno fatto lui e i suoi compagni negli ultimi 5 anni”.

Tutte cose legittime, per carità.

Ma i tifosi, per la precisione, che dovrebbero pensare?
Gonzalo è il nostro capitano e non ha mai detto una parola fuori posto in 5 anni. Anzi, a dire il vero da quando è diventato il capitano è stato anche troppo taciturno. In alcuni casi ci si aspettava che riuscisse a prendere le difese di allenatori o di compagni di squadra trattati malamente o che scuotesse maggiormente una squadra talvolta deludente. Cose purtroppo mai accadute.

E la società, per la precisione, che dovrebbe fare?
Regolarmente, durante tutti i 15 anni di gestione Della Valle, i vari capitani sono stati tutti trattati in questo modo o quasi. Di Livio, Ariatti, Dainelli, Montolivo, Gamberini, Pasqual e ora Gonzalo. Ce n’è una di queste storie che è finita bene? Per ora no.
E per inciso, a livello tecnico, la proposta è del tutto in linea con una logica tecnica, coi parametri societari, con i comportamenti passati e tipicamente asettici di questa gestione. 25% in meno significa una proposta di poco inferiore al milione di euro.
Verissimo che Gonzalo in questi anni abbia avuto un rendimento superiore alla media. Ma ha tuttora il quarto ingaggio della rosa, al pari di Ilicic e Kalinic. E questo ingaggio se lo è meritato tutto, ma gli fu garantito qualche anno fa, quando ancora fisicamente aveva benzina da spendere.
Ad aprile l’argentino compirà 33 anni e con ben 3 operazioni ai legamenti crociati in passato è facile pensare che potrà avere una sola o al massimo due stagioni a questi livelli.
Offrire un rinnovo con decurtazione (forse eccessiva? Forse sì) non mi pare proprio così offensivo. Pensando poi a uno come Kalinic che in queste ore pare addirittura aver rinunciato ad un ingaggio di ben dieci volte superiore a quello che sta attualmente percependo.

E infine: nessuno si dimentica di quel che ha fatto Gonzalo in 5 anni, non per niente siamo tutti (o quasi) concordi che sarebbe un grande impoverimento tecnico doverne fare a meno. Non dimentichiamo che stiamo parlando di un ottimo professionista che si è comportato bene in campo. Buon esempio certo, ma non ci vedo questa incredibile eccezionalità.

Mi scuso se sono stato superficiale. Sono sicuro di non conoscere tantissimi aspetti della questione, che saranno privati.
Ma il mio consiglio è quello di evitare le battaglie coi mulini a vento. Su Facebook per giunta.
Avreste solo da rimetterci.

Dario “Ghebbe” Del Gobbo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.