Lazio e Milan, due furti senza passamontagna. E la gara del Milan può essere ripetuta…

Lazio e Milan vincono con due furti che hanno pochi precedenti, ma ne parlano in pochi..

0
1049

In altri tempi a Firenze avrebbero gridato allo scandalo, ma oggi si sa, il morale è basso e non si sta pensando tanto alle dirette avversarie per l’Europa League. Succede in una tranquilla domenica calcistica che Lazio e Milan vincono rispettivamente contro Udinese e Sassuolo in maniera troppo dubbia, anzi senza dubbio vincono con due regali arbitrali, uno più clamoroso dell’altro.

Partiamo dalla Lazio che vince di misura in casa contro l’Udinese con un rigore di Immobile. Il rigore non c’è, ma l’aspetto più bello di tutto questo è che rivedendo l’azione ancora non si capisce cosa ha fischiato l’arbitro. Non c’è nulla, un fallo, un contatto, un tocco di mano. Assolutamente nulla. Ma l’arbitro dà rigore, Immobile lo segna, la Lazio vince. E nemmeno tutti si meravigliano.

Poi c’è il Milan, a Reggio Emilia contro il Sassuolo vince anche lei di misura con un rigore di Bacca, un rigore dubbio per qualcuno ma non è questo il punto. Bacca trasforma il rigore toccando due volte la palla, si avete capito bene. Bacca tira il rigore di destro, poi la tocca di sinistro. Segna, spiazza il portiere, il Milan vince. Purtroppo però si tratta di un rigore da annullare e fischiare punizione per il Sassuolo. Ma nulla di tutto questo è avvenuto. Addirittura da regolamento per un errore del genere il Sassuolo potrebbe anche chiedere che la partita venga rigiocata. Ma si sa, nella società di Squinzi tifano Milan…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.