Da Firenze all’Argentina, Martina Alessi non ci ha pensato un attimo. Perché se in Toscana ha la famiglia, gli affetti e la squadra del cuore, la Fiorentina, dall’altra parte del mondo l’ha portata l’amore, quello per Gonzalo Rodriguez, l’ex capitano viola tornato al San Lorenzo.

Con loro il figlio Ian, che sta per compiere 2 anni. E Martina conferma la scelta di vita

“Ci troviamo benissimo. Io e Ian ci stiamo abituando alla nuova vita e a Buonos Aires, piú caotica e grande di Firenze, inoltre le abitudini sono differenti, ma la famiglia di Gonzalo ci aiuta. È una bella esperienza. Di Firenze mi mancano la famiglia e le amiche ma fortunatamente esistono i cellulari e spesso ci videochiamiamo con Whatsapp o Facetime”

Immaginava che sarebbe finita così con la Fiorentina? 
“Già all’inizio dello scorso campionato Gonzalo sentiva che qualcosa non andava. Ha già spiegato lui quello che stava succedendo. Io e lui siamo rimasti molto male”

Lei attraverso i social a suo tempo ha difeso Gonzalo
“L’ho difeso una volta e lo rifarei un milione di volte ancora. Mi pento solo di non aver usato le parole giuste, mi dispiace che qualcuno abbia interpretato male le mie, ma non potevo spiegare tutto”

Per i fiorentini ha più saluti da fare o sassolini da togliere? 
“Saluti. Ci hanno sempre dimostrato affetto, ho ricevuto bei messaggi da parte di tanti di loro, di auguri per la nascita di mio figlio, per la storia con Gonzalo e per il trasferimento. Sono tifosa della Fiorentina” 

Quali sono i vostri ricordi più belli? 
“Vincere contro la Juve? (ride, ndr) Sembra una frase scontata, ma ad ogni gol era un mix tra emozione e ansia. La gioia più grande quando Gonzalo è entrato in campo con Ian, aveva solo 7 mesi, e l’ultima volta a maggio”

Si sente ancora con le altre compagne dei viola?
“Mi sento spesso con Rocio Valero. Ogni tanto con Alejandra Fernandez, Natalie Zarate e con Emily, la fidanzata di Lezzerini”

Ora Gonzalo gioca nel San Lorenzo, va a vederlo?
Sono andata a tutte le partite in casa. Amo l’atmosfera dello stadio, il tifo e i cori. Non smettono di cantare e ballare neanche per un secondo”

Della Fiorentina attuale parlate mai?
“Tra il trasloco, fare i documenti e la nuova vita non ne abbiamo avuto il tempo. A Firenze torneremo presto…”

La Nazione

Comments

comments