10 Luglio 2020 · 22:14
30.8 C
Firenze

La lezione di Commisso e Zhang e Agnelli. Gli abbonati e i rimborsi, Fiorentina diversa da Inter e Juventus

In base ai dati dell’autunno scorso, quando tutte le società avevano già chiuso la vendita, gli abbonati alle venti squadre di Serie A sono 354.488. Dai 41 mila dell’Inter primatista ai 7.411 del Sassuolo, ultimo anche per una questione di dimensioni della città, passando per i 32 mila del Milan, i 27.700 della Juve, i 21.559 della Roma. Poi qualcuno – ad esempio la Lazio – ha riaperto la campagna abbonamenti per sfruttare un momento particolarmente felice, e allora i dati sono aumentati ancora un po’.

La Fiorentina è al terzo posto in serie A come numero di abbonati, dietro a Inter e Milan. La società viola quest’anno ha venduto la cifra record di 28.026 abbonati

Oltre 350 mila persone in totale in serie A. Un mondo di passione e una montagna di soldi. Elementi – la passione e soprattutto i soldi – che aiutano le società ad andare avanti. Eppure, nel caos che ha accompagnato il calcio in questo periodo, in mezzo al quale tutti trovano qualcosa da chiedere o da rivendicare, nessuno pensa a loro: gli abbonati.

Non potranno andare allo stadio perché si gioca a porte chiuse; probabilmente non saranno nelle condizioni di farlo fino all’ultima giornata. E molti di loro, in base a quanto stabilito dalle modalità di cessione della tessera, non hanno diritto ad alcun rimborso, non previsto anche se le gare non si possono disputare o vedere a causa di forza maggiore. Secondo una recente ricerca della Stampa, sono dieci i club che non contemplano la restituzione di un euro, qualunque cosa accada: Juve, Inter, Roma, Atalanta, Samp, Genoa, Brescia, Lecce, Spal e Udinese. Ma anche per le altre dieci società il rimborso è tutt’altro che scontato e automatico. Anzi.

Il ministro Spadafora ha dichiarato che i titolari degli abbonamenti avranno un voucher. Ma da chi? E per farci cosa? Sicuri che i club siano disposti a garantire voucher adeguati, rinunciando a soldi importanti in un periodo così difficile anche per loro?

Qualcuno pensa a sconti per il rinnovo della tessera nella prossima stagione, visto che i tifosi adesso perderanno almeno sei partite in casa, in pratica un terzo di quante ne hanno pagate. Davvero le società ridurranno i prezzi del 30 per cento a chi era già abbonato? Senza contare il fatto che anche il campionato 2020-2021 potrebbe cominciare a porte chiuse. E allora la beffa sarebbe doppia.

Sono pochissime le società che si sono mosse in modo concreto per i propri abbonati: segnali sono arrivati dalla Fiorentina, dalla Spal; qualcosa sta meditando di fare la Roma. I presidenti piangono miseria, i calciatori si lamentano per i soldi e per il caldo, e nessuno o quasi pensa a chi ha investito all’inizio della stagione soldi e passione per la propria squadra. Una vergogna, già.

Stefano Agresti, calciomercato.com

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

“Alia Guagni ha lasciato Firenze perché dilettante, all’estero sei professionista. Neto gran colpo”

Martina Angelini, giornalista di Sky Sport specializzata sul calcio femminile e voce tecnica per la diretta tv delle partite, è intervenuta in diretta nel corso della...

Da Napoli, Giuntoli lavora per Pezzella, è lui il difensore che vuole regalare a Gattuso

A Radio Kiss Kiss hanno rilanciato diverse indiscrezione sul capitano della Fiorentina Pezzella. Secondo l'emittente, il Napoli stia seguendo da vicino la situazione del...

CALENDARIO