17 Ottobre 2021 · 17:26
20.5 C
Firenze

“Ilicic amava Firenze e la Fiorentina. Mandato via da Corvino perché preso da Pradè. Colpevole con Cognigni”

Questo è quanto scrive il giornalista Franco Ligas su Facebook:

“Voglio trattare il “caso” Ilicic con serenità e rispettando la verità dei fatti.
Personalmente non mi meraviglia il bel calcio ritrovato a Bergamo e sono convinto che aveva tutto per diventare un giocatore importante anche a Firenze.
Colpa del feeling mai scattato fra il giocatore e la tifoseria viola in generale.
Quando Zamparini cede alla Fiorentina Viviano il giocatore sloveno aveva appena subito un incidente che lo aveva tenuto lontano dai campi ed era ancora infortunato quando Montella preferì puntare su Neto anziché sul portiere cresciuto fuori di casa ma di sangue viola.

Zamparini, per Viviano, aveva chiesto ed ottenuto nove milioni e, in cambio del portiere, aveva imposto l’esterno. Quei soldi doveva avere e li ha presi.
Con questi presupposti non è stato facile imporsi, anche perché il giocatore non è ruffiano. Aveva un carattere difficile e troppo ombroso per piacere a chi non piace.
Nemmeno il parere autorevole di Fascetti, che lo considerava giocatore di altra categoria, lo avevano aiutato a trasformare i troppi fischi in applausi.
Anche la storia della fascia al braccio non l’avevano aiutato.
Eppure Ilicic era innamorato di Firenze e della Fiorentina tanto da rinunciare a tante offerte più ricche.
Ricordo che anche il Bologna gli aveva fatto la corte e che, un famoso procuratore fiorentino, lo aveva invitato ad accettare la richiesta del proprietario oltre atlantico, in radio diceva che sarebbe diventato ricchissimo.
Anche a quella proposta arrivò un NO deciso. Molto più semplicemente, quel procuratore, cavalcava l’insoddisfazione dei tifosi e della società.

Il costo dell’operazione, l’infortunio ed il carattere difficile perché fragile hanno inciso negativamente. Solo a tratti abbiamo visto il vero Ilicic, bastava un po’ di pazienza in più. Con lui anche Simeone poteva sembrare una vera punta.

Il desiderio di Corvino di liberarsi dei giocatori portati a Firenze da Pradé ha colpito anche Ilicic, regalato all’Atalanta.
I risultati ottenuti in nerazzurro fotografano l’errore, oltretutto Ilicic a Firenze ci voleva restare e a lungo.

Peccato che i rovesci viola siano attribuiti al solo Pioli, errore non inserire nell’elenco anche Corvino e Cognigni.

 

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO