2 Dicembre 2021 · 16:09
9.4 C
Firenze

Il Brescia fa un favore alla Fiorentina, blocca sul 2-2 il Genoa. Il racconto della partita

In classifica la Fiorentina rimane a sei punti dalla zona rossa e a cinque punti dal Genoa. Con una partita in meno

Nel secondo anticipo di giornata Brescia-Genoa finisce 2-2. Già dopo 13′ i padroni di casa vanno sul doppio vantaggio, con i gol di Donnarumma (10′) e Semprini. Il Genoa produce una reazione confusa e acciuffa il pari solo con due rigori: il primo realizzato da Iago Falque (38′), il secondo da Pinamonti (70′). In classifica, il Genoa stacca il Lecce (ora terz’ultimo da solo) ma rimane praticamente quasi invariata la distanza dalla Fiorentina, che ha 5 punti di vantaggio rispetto al Grifone, il Brescia acciuffa la Spal in coda.

Il racconto della partita. Imperativo tre punti per entrambe le squadre, e alla fine ne esce un pari che non accontenta nessuno. Per il Brescia era quasi l’ultima spiaggia per restare nella categoria, mentre il Genoa è ripartito malissimo e se ha bisogno di due rigori per pareggiare contro l’ultima in classifica deve farsi qualche domanda: fortuna per il Grifone che il Lecce non sta correndo, anzi.

Al Rigamonti la squadra di Nicola subisce un uno-due terrificante in apertura di partita. Dopo 10′ Torregrossa libera sulla destra Sabelli, che serve Donnarumma per il sesto gol in campionato. Passano solo tre minuti e il Brescia raddoppia con un’azione molto simile, solo che tra l’assist di Sabelli e l’appoggio in rete di Semprini si pone il tiro sporco di Bjarnason, che aveva condotto il contropiede. Per il terzino è il primo gol in Serie A.

Eppure il Genoa era partito meglio: Joronen aveva fatto un miracolo su un diagonale di Destro, provocato da un liscio di Papetti. Una volta ricevuto il doppio schiaffo, gli ospiti si riorganizzano ma la manovra fatica a carburare.

L’occasione per accorciare arriva su un pallone alto: secondo l’arbitro Irrati, Papetti fa fallo in area su Romero. Rigore molto discutibile, dal dischetto Iago Falque è perfetto (38′). Lo stesso spagnolo ha per due volte la chance del pareggio in mischia, bravo Joronen a chiudergli lo specchio. Si va così alla ripresa dove il Genoa tenta tutte le carte per acciuffare il 2-2: Nicola al 66′ ha già finito i cinque cambi, Lopez invece mantiene finché può il suo undici titolare.

Joronen se la vede brutta su una girata volante di Pinamonti, che però pareggia al 70′ sul secondo rigore accordato al Grifone: se lo è procurato ancora Romero, molto ingenuo Dessena a intervenire con il braccio largo sul colpo di testa dell’argentino. Nel finale meglio il Genoa (Joronen bravo su Sanabria), Lopez fa invece esordire il classe 2001 Ghezzi. E la gara si trascina stancamente fino al 90′ sul 2-2.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO