26 Gennaio 2022 · 22:19
7.6 C
Firenze

Igor: “Ero arrabbiato con Iachini. Malcuit il più matto nello spogliatoio. Grande legame con Eysseric”

Igor, difensore sinistro della Fiorentina classe 1998, ha parlato ai social viola, queste le sue parole a pochi giorni dal Bologna

igor
Firenze, stadio Artemio Franchi, 08.02.2020, Fiorentina-Atalanta, Foto Fiorenzo Sernacchioli. Copyright Labaroviola.com

Intervistato sui canali social della Fiorentina, il difensore brasiliano Igor ha parlato di tanti argomenti, queste le sue parole:

“Adesso ci attendono cinque finali, non saranno gare facili, dovremo entrare in campo sempre per fare punti a partire da Bologna per cercare di salvarci il prima possibile. Un gol? Lo spero anch’io, vedremo se giocherò dall’inizio. Contro il Bologna dobbiamo entrare in campo per fare il nostro gioco, e se faremo quello che dobbiamo fare, possiamo fermarli, così come loro devono pensare a fermare noi.

Sto molto bene, penso che ho fatto un bel recupero, ho lavorato tanto per tornare presto e forte. Penso che sia stato per questo che il mister mi ha dato subito fiducia. E’ stato il momento più difficile della mia carriera perché è stata la mia prima lesione importante. Ma è stata una fortuna rientrare contro la Juventus e dare subito il mio meglio

Nello spogliatoio ho legato di più con Pulgar, Kouame, Ribery e Eysseric. Il più matto è Malcuit, ha una personalità diversa rispetto agli altri. Piatto italiano preferito? La bistecca alla Fiorentina mi piace molto, però il cibo della mia terra mi manca molto.

L’assenza del nostro pubblico allo stadio? Io ho giocato solo una volta con i tifosi qui a Firenze e ho visto che è diverso perché sono tifosi che cambiano la partita e la temperatura dello stadio. Ci mancano tanto e spero possano tornare presto

A sedici anni volevo smettere di giocare perché il mio allenatore mi spostò in difesa da centrocampo. Ho telefonato a mio papà per dirgli che volevo smettere ma in seguito mi sono abituato. La patente? Faccio l’esame la settimana prossima. Vediamo, non è semplice.

Leonardo Semplici è stato il mio primo allenatore in Italia, sono contento che sia ora l’allenatore di Cagliari ma dovremo vincere e lo faremo. Con Iachini ho un buon rapporto. All’inizio non mi ha fatto giocare tanto, era normale fosse cosi ma io ero un po arrabbiato con lui. Ho sempre rispettato le sue decisioni. Mi ha sempre aiutato e parla con me. Se lo seguo so che posso crescere” ha concluso Igor.

LA STORIA DI SPALLUTO, IL GIOVANE BOMBER DELLA FIORENTINA CHE PORTATO LA TERZA COPPA ITALIA DI SEGUITO

La storia di Spalluto alla Fiorentina, a Firenze da 5 anni, a gennaio ha rifiutato di andar via

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO