Il dubbio più grande ruota attorno a Ianis Hagi: è il capocannoniere estivo di questo precampionato con 4 gol (insieme a Gori, altro baby e seguito da Chiesa e Baba, tutti giovanissimi) e si sta valutando il suo futuro. Di certo, l’obiettivo è valorizzarlo il più possibile, provando a fargli ricalcare le sorti dell’altro figlio d’arte viola, Chiesa, che in una stagione si è preso la Fiorentina sulle spalle.

Non pare destinato alla partenza Dragowski, specie dopo la cessione – a titolo definitivo ma con il diritto al 50% della futura rivendita del suo cartellino – di Giacomo Satalino al Sassuolo.

Massima attenzione dovrà poi essere prestata alle pianticelle viola, a cominciare da Luca Ranieri, terzino sinistro fatto in casa, che proprio l’altra sera a Pistoia si è messo in evidenza, al pari di Marco Meli, il “millennial” che è stato capace di conquistare fin dal ritiro di Moena Pioli. Tocca a Corvino trovare la soluzione migliore.
Quotidiano Sportivo

Comments

comments