4 Dicembre 2020 · 21:06
11.3 C
Firenze

Iachini: “Callejon non è in grado di fare tutta la fascia”

Iachini ha parlato anche della manifestazione di ieri a Firenze

Ecco l’intervista in diretta live del mister Beppe Iachini prima della partita con la Roma di domenica allo stadio Olimpico:

Franck Ribery? Lui e Pezzella, Callejon e Borja Valero sono visti male dagli avversari. Per noi è un giocatore importante anche se non lo abbiamo avuto in condizione. Abbiamo perso qualche giocatore importante. Non abbiamo potuto lavorare bene. Alcuni ragazzi sono arrivati l’ultimo giorno di mercato. Dobbiamo crescere insieme sul piano della condizione tutti insieme.

Dzeko? è un giocatore importante e sa fare giocare la squadra, allenata da un ottimo allenatore come Fonseca. È una squadra molto qualitativa quindi dovremmo andare a Roma a giocare il nostro calcio.

Martinez Quarta? La perdita di German è stata fondamentale abbiamo potuto contare sotto il piano tattico. L’Inizio di campionato è stato molto anomalo. Andare sulle ripetizioni ti portano vantaggi sulle conoscenze. Abbiamo aggiunto dei ragazzi che hanno avuto solo 15 giorni. Mi auguro che possa farlo con Quarta vista l’assenza di Pezzella fin da subito.

Callejon? Quando c’è stata la notizia che poteva andare via ho chiesto alla società di prendere Callejon per darci una mano Può giocare insieme a Ribery. È un’idea! Per il modulo abbiamo creato più situazione da gol. Non vedo preoccupazioni per quanto riguarda il gol. Gli esterni sono arrivati al gol, Biraghi per esempio. La squadra crea occasioni ed è anche imprevedibile. Non riescono ad essere concreti gli attaccanti. Abbiamo segnato tanto. La cosa che è mancata sono stati i gol presi, le assenze e altro. Callejon gli va accorciato il campo. Al Real Madrid giocava di attaccante. Non è in grado di fare la fascia. Può darci soluzioni migliori, bisogna valutarlo. Da qui ad un mese potremo pensare ad altre cose più in là valutando le loro caratteristiche. Ha fatto gol, lui nasce là. Se stava qua Sarri e Callejon era…Oggi ci possiamo portare a casa qualche vantaggio.

Come valuta Kouamè e Vlahovic? Ha mai valutato l’ipotesi di un attacco leggero? Sto valutando tutto anche questa in virtù delle cose che ho detto prima su Callejon. Attacco veloce e rapido con altre caratteristiche. Callejon ci può dare dei vantaggi sulla imprevedibilità della squadra.

Cosa deve fare una squadra per non prendere gol? Come vede questo centrocampo a 3 o 4? Ci sono momenti dove il campo non sempre esce tutto perfetto. Abbiamo subito una rimonta poi un’altra con lo Spezia molto casuali. È normale che qualche scoria può mancare. Andiamo un po’ in timore. Dobbiamo andare più avanti, essere più alti. Abbiamo fatto gol sempre nelle prime mezz’ore. Dobbiamo tenere la squadra più aggressiva a livello fisico. Chiedo sempre di più alla squadra. Ci vuole sempre di più un atteggiamento positivo. Recuperarmi qualche giocatore di qualità e esperienza. L’importante è sempre andare in vantaggio 2-0 e portarlo nei 90′. Solo 50 minuti non bastano.

L’assenza di Pezzella porta una difesa a 4? Duncan si sta allenando bene ma noi abbiamo scelto una squadra con mezzale offensive più qualitative a ridosso della squadra avversaria. Sul piano degli equilibri possono aver tolto qualche assenza. Dobbiamo continuare solo a lavorarci sopra. Gli inserimenti, Bonaventura può fare il trequartista. Bisogna dare imprevidibilota ripete ancora il mister. A Milano abbiamo avuto la palla della vittoria e non l’abbiamo sfruttata. Con lo Spezia uguale.

Che Roma è questa? Cosa si può fare per batterla? È forte sia in difesa che in attacco. Dzeko, Pellegrini, Veretout… Molto tecnica, ci vorrà attenzione per i primi cinquanta minuti. Dobbiamo cercare i gol giocare con personalità e non possiamo non giocare con convinzione e correggendo e tenendo alto il livello della partita.

Mi dispiace per gli incidenti. Fa capire anche cosa c’è fuori dal calcio, senza possibilità di lavorare per i proprio figli. Tanta amarezza per queste persone. È un problema sociale. Le forze politiche dovranno risolvere queste problematiche. Il Coronavirus ha cambiato tutto. Non è calcio non è vita. Se un giocatore si ferma ti devi allenare singolarmente. Chi ha potere sulle famiglie e persone deve farlo. E arrivato il momento di dare una mano alle persone. È una situazione difficile”.

LEGGI ANCHE LE DICHIARAZIONI DI CALAMAI

Calamai: “L’idea di Iachini è di lanciare insieme a Roma Callejon, Ribery e Kouamè”

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

PRANDELLI NEGATIVO TRE VOLTE, TORNA AD ALLENARE. CASO NON CONFERMATO, GIOCATORI LIBERI

ACF comunica che nelle giornate di mercoledì, giovedì e venerdi Cesare Prandelli è stato sottoposto a test molecolare per la ricerca del Covid-19. I test...

Mihajlovic furioso: “Se trovo chi parla con i giornalisti lo faccio finire di giocare. Sanno sempre tutto”

Sinisa Mihajlovic, alla vigilia della partita contro l'Inter, ha parlato in conferenza stampa, e a chi gli chiede se il Bologna cambierà assetto a...

CALENDARIO