26 Gennaio 2022 · 20:44
7.6 C
Firenze

Guagni: “Sono rimasta alla Fiorentina anche grazie a Commisso. Professionismo? Fondamentale per crescere”

“La vittoria dello scudetto è stato uno dei momenti più belli della mia carriera – ha detto Alia Guagni, capitano della Fiorentina Women’s in una diretta Instagram con Frey -. Per me già solo entrare al Franchi era da brividi. Ho scelto lo scorso anno di restare a Firenze, ho rifiutato il Real Madrid perchè sono fiorentina, è stata una scelta di cuore, vincere con questa maglia vale doppio. Commisso poi mi ha fatto capire che qui ha un progetto ambizioso. Ci sono sempre vicini, ci scrivo e ci chiamano sia a noi donne che agli uomini”.

“Dal 2017 sono il capitano della Fiorentina – ha aggiunto -, soddisfazione e responsabilità. L’umiltà in un gruppo fa la differenza. Spesso organizziamo cene, serate al cinema, ecc…. I nostri portieri sono sempre un po’ pazzi. Ohrstrom? Sarebbe svedese ma è napoletana. Durante? Una persona folle. Catalina? Introversa ma ha le sue stranezze. Nazionale? Un sogno realizzato. Sono arrivata in Nazionale maggiore molto giovane. Mondiale? Ci siamo arrivate con tanto lavoro, in Francia siamo arrivate come le ultime della classe, siamo cresciute. La prima svolta per il calcio femminile è arrivata quando le società calcistiche maschili sono entrate nel femminile, la Fiorentina è stata la prima. Il Mondiale poi ha aggiunto valore, prima non ci conosceva nessuno. A parte le squadre come noi che abbiamo un club professionistico le altre ragazze si allenano la sera perchè il giorno lavorano. Passare al professionismo sarebbe un grande passo. Lazaro e Mauro sono fuori di testa, sono l’anima del gruppo. Troniste? Thogersen. Paloma è la deejay. Il mio coro preferito è “bombe nell’aria”.

CONDIVIDI

ULTIMI ARTICOLI

CALENDARIO